mercoledì 7 dicembre 2011

LOVE IS... non controllare il suo cellulare

  
Esistono diverse scuole di pensiero  riguardo a questo argomento:
  • Quelli che "la privacy è tutto e non funziona se non ci si fida l'uno dell'altra."
  • Quelli che "la CIA e l'FBI mi fanno un baffo, se non so dove si trova in ogni singolo istante della giornata comincio a dare di matto."
La seconda categoria in azione mi diverte un mondo, specialmente quando si tratta di ragazze. 
La tecnologia poi le ha rovinate e le loro tecniche di spionaggio si sono affinate.
Guai a mentire sulla vostra posizione, o uomini sventurati: vi scoveranno ovunque.
Incrociando i dati del vostro profilo su facebook, analizzando i vostri tweet e le vostre cerchie su google+ vi smaschereranno. 
Si lanceranno in rocamboleschi pedinamenti, vi fotograferanno sul luogo del misfatto con il loro i-phone e magari caricheranno l'immagine su flickr.
Avrete nostalgia del vecchio star-tac da 30 kg (bastava togliere la batteria e si cancellava tutto): sugli smartphone di ultima generazione qualsiasi cosa viene memorizzata dal sistema.
"Chi è questo Pino che chiami anche la notte? Ho googlato il suo numero è ho scoperto che in realtà è una certa Pina!"

Comunque ammettiamolo: almeno una volta nella vita, una sbirciatina al suo cellulare l'abbiamo data tutte. Confessate. Sì anche voi che fate le indifferenti, dite che non siete gelose e che la fiducia è fondamentale.
Anche io, "miss pretendo i miei spazi e quindi è giusto che tu abbia i tuoi", ho avuto la mia fase-Sherlock Holmes. E a dire la verità credo di non ricordare periodo più stressante nella mia vita di coppia.
L'importante è non farsi prendere la mano. Almeno credo.


E voi che ne pensate? Dove finisce la gelosia e inizia la follia? :)

5 commenti:

  1. Una volta ogni tanto bisogna sempre controllare. Io sono per il 'fidarsi è bene, non fidarsi è meglio!'

    Robi

    RispondiElimina
  2. Sì è vero...anche se a volte forse sono per "è meglio non sapere!!!" :)

    RispondiElimina
  3. Io più che gelosa sono curiosa...ma il mio lui è sempre stato un tipo riservato e di conseguenza la mia curiosità si espansa come un gas...poi però decido di rispettare la sua privacy...una volta volevo assolutamente leggere una mail mandata da un nostro amico a lui, feci l'hacker o non so cosa e alla fine si scoprì che erano indicazioni per il mio regalo di laurea...lezione imparata...:-D

    RispondiElimina
  4. Qualche volta, all'inizio della storia, un'occhiata l'ho anche data... ma poi avevamo computer in comune, mi prestava il telefono, so le sue password di msn, posta elettronica, tutto... Non ho capito se cercava di dirmi "fidati" o se con questa overdose d'informazioni cercava di farmi passare la voglia di spiare... Difatti non ne ho mai approfittato, mi sa che ha fatto bene!

    RispondiElimina
  5. Ma infatti io credo fermamente nella teoria: "quando si dice a una donna di non fare una cosa, aumentano le possibilità che la faccia!!!"
    Infatti molte volte se gli arriva un msg, lui è nell'altra stanza e mi urla "vedi chi è" mi scoccio pure di alzarmi ed andare a controllare...Si il cellulare invece giace dimenticato accanto a me, sono tentata!
    Siamo strane :)

    RispondiElimina