venerdì 2 dicembre 2011

LOVE IS... svegliarsi accanto alla persona che si ama


Le prime volte che ci si risveglia nello stesso letto tutto è magico, ma a parer mio anche un pò comico e innaturale.
Teneri baci del buongiorno, abbracci, magari dopo essersi addormentati ancora mano nella mano. Colazioni a letto memorabili con caffè preparato mentre lui ancora dorme, per sgattaiolare fuori dal letto e sistemare i capelli: perchè non so voi ma io appena sveglia devo fare i conti con una capigliatura ribelle da fare invidia a Marge Simpson.
Poi comincia a subentrare l'abitudine e non è che la magia scompaia del tutto, semplicemente lo scenario comincia a cambiare un pò.
Si parte da "Por** vdjfgbfjbj! E' tardissimo, ma non dovevi metterla tu la sveglia?", fino a discussioni interminabili per stabilire chi ha rubato le coperte a chi la notte prima.
Poi c'è chi russa, chi parla nel sonno, chi si sveglia nel bel mezzo della notte per andare a bere e ha la capacità innata di sbattere contro qualsiasi oggetto presente nella stanza (ogni riferimento al mio fidanzato è puramente casuale).
Insomma scompaiono i "super-amanti" e riappaiono le persone normali.
I completini sexy e i micro baby-doll indossati coraggiosamente anche con zero gradi, lasciano il posto al pigiamone di pile, che non sarà sexy, ma potrebbe essere SECCHISI, basta saperlo portare ;) Ok, ok, non ci crede nessuno, ma quando fa freddo, fa freddo!
Comunque, sarà che non sono molto normale, ma io adoro anche questa fase, quella del sopraggiungere della "routine".
Perchè se si ha ancora la voglia di stare insieme nonostante i calci presi durante la notte, o il pigiamone antistupro, o l'acconciatura alla "re leone", comincia a farsi strada l'idea che forse ti stai svegliando accanto alla persona giusta.

2 commenti:

  1. Ancor auna volta mi trovo d'accordo con le tue parole..solo che io la fase "hot" o cmq quella molto romantica l'ho vissuta relativamente perchè, prima ancora che si dormisse insieme, io e lui ci siamo visti in 2/3 gite scolastiche, in quelle camerate con tutti i compagni di scuola, a fare battaglie di cuscini e a ridurci davvero in condizioni pietose..se non altro questo ha fatto si che dormire insieme non creasse quella tensione o quel piccolo imbarazzo che invece ho notato nei casi delle mie amiche...io ho semplicemente ripensato al mio pigiama con le paperelle che portavo a 16 anni e tutto l'imbarazzo è sfumato...e onestamente è andata benissimo così...:-)

    RispondiElimina
  2. Io ho dovuto aspettare un bel pò prima di poter passare un'intera notte con lui...ma ora sto recuperando alla grande: paperelle, orsi, calzettoni, supertute.... questo è amore ;)

    RispondiElimina