domenica 30 settembre 2012

LOVE IS... convincerlo a condividere i suoi problemi







Io sono la "debole" della coppia.
Quella che riversa i suoi problemi sull'altro. Che ha bisogno di essere confortata.
Che ha bisogno di sentirsi dire che andrà tutto bene.
Se ho avuto una giornata storta, un litigio con qualcuno, una situazione che mi ha fatto irritare in famiglia, il solo parlarne con A. mi fa sentire meglio.
Ho bisogno di sentirmi dire che sono melodrammatica e che esagero.
Che non devo prendermela troppo o che invece mi sono imposta troppo poco.
So che mi dirà dove ho sbagliato o che si farà una risata dopo i miei coloriti sfoghi.
So che ci sarà sempre.

Lui invece non mi parla. E lo so che non siamo fatti tutti allo stesso modo, ma la cosa, soprattutto i primi tempi, mi faceva sempre sentire un pò tagliata fuori dalla sua vita.
Perchè in una coppia si dovrebbero condividere gioie e dolori e mi pare proprio che noi invece condividiamo sì le gioie, ma solo i miei dolori!

Ne ho avuto la riprova quando più o meno a dicembre è sorta una situazione X, che non è una tragedia per carità, ma so che lo ha turbato parecchio.
Diciamo che ne sono stata informata e che nelle linee generali mi ha messo al corrente dell'evoluzione della cosa fino a qualche mese fa.
Poi più più nulla.
Qualsiasi domanda un pò più specifica, viene abilmente evasa con generiche risposte. Il messaggio più o meno velato che lancia è "non ne voglio parlare."

Così mi sono fatta coraggio e gli ho detto che in certe occasioni mi sento trattata come un'estranea. 
E lui mi ha risposto che non è assolutamente così e già il solo essere stata informata dei fatti me lo dovrebbe far capire, dato che non lo ha ancora detto a nessuno. Che è un momento brutto, ma il solo sapere che ci sono lo rassicura.
Che nn è poi questa gran tragedia, che se ne farà una ragione, che succede di peggio e bla bla bla.
Avrei voluto dirgli che non deve sempre essere quello maturo; che una volta ogni tanto gli è permesso dare di matto. 
Io ho dato di matto per molto meno. E a volte dare di matto aiuta ad affrontare le situazioni. Lo so per certo.
Avrei voluto dirgli che poi a me dei fatti interessa poco, quello che voglio sapere è come sta vivendo lui questa cosa.  
E invece sono stata zitta.
Mi sono sentita un'egoista a dargli ulteriori problemi lamentandomi del mio essere esclusa, così ho deciso di lascargli il suo spazio.
Mi sono detta che l'amore è anche questo.
E ora ho il terrore di avergliene lasciato troppo. Perchè da mesi nessuno dei due apre più questa discussione.
E so abbastanza per certo che continua a non parlarne con nessuno. Nè a casa, nè con gli amici.


E io che devo fare? Devo aspettare che sia pronto a parlarne? Devo prendere in mano la situazione e forzarlo ad aprirsi?
Datemi un consiglio se potete.
Perchè forse è la prima volta che ho come l'impressione di sbagliare qualsiasi sia il modo in cui decido d'affrontare la cosa.


 





22 commenti:

  1. Allora C. mio marito è esattamente così, lui non parla, pensa, pensa e rimugina. Considera che Manu è sempre allegro, ha uno splendido carattere, ma ci sono momenti in cui si capisce che qualcosa lo disturba, ma non parla. Chiedergli cosa c'è che lo preoccupa è inutile, tanto non parla comunque. Cosa fare? oltre al fatto di dirgli che quando si sentirà pronto io lo ascolterò, oltre al fatto di essere particolarmente attenta e di farlo distrarre quanto più possibile, in verità non faccio altro. Lo guardo da lontano, lo osservo e lo controllo, e in 15 anni pochissime sono state le volte che ha vuotato il sacco, loro preferiscono arrivare al punto da soli, purtroppo sono fatti così. Noi sbattiamo sedie, piangiamo, tiriamo il muso, loro invece devono tenere il controllo della situazione. Mi spiace non esserti di grande aiuto, ormai ho deciso che tormentarlo non ha senso, meglio stargli accanto e sostenerlo come ho sempre fatto in questi anni. Buona domenica cara! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. continuerò ad osservare anche io..ahhh che faticaccia però!
      Cmq Simo con gli ultimi "attacchi d'arte" che hai proposto ti dovrebbero mettere su real time al posto di quella Barbara che non sopporto!!!:):)

      Elimina
  2. Purtroppo gli uomini sono fatti così, non parlano dei loro problemi, e se cerchi di carpire loro qualche informazione in più si chiudono ancora di più a riccio. Secondo me dovresti lasciargli il suo spazio, e aspettare che sia lui a parlare, quando sarà pronto. In fin dei conti avrebbe anche potuto non metterti al corrente di questa situazione, ma l'ha fatto, quindi è già un passo avanti. Lo so che è dura, perché anch'io sono un tipo ansioso e non riesco a stare con le mani in mano, ma la mia recente esperienza mi ha insegnato che forse in certi casi è l'unica cosa giusta da fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cosa?tempo fa io e la mia migliore amica del liceo abbiamo discusso perchè lei sosteneva che io fossi poco interessata alla sua vita. Perchè mollavo subito la presa se lei non voleva parlare.
      E ai tempi ci sono rimasta malissimo, perchè per il tipo di rapporto che avevamo non pensavo servisse l'interrogatorio per farla confidare... Insomma il mio rispettare gli spazi lo aveva preso per mancanza d'interesse.
      Ora lo so che A. ragiona con il cromosoma-uomo ed è tutta un'altra storia... ma ho sempre paura che gli altri fraintendano il mio modo di essere!

      Elimina
  3. Io ho la fortuna che il MioUomo solitamente cede più o meno al secondo "guarda che parlarne fa bene, invece se ti tieni tutto dentro poi ti viene la gastrite". Non so, probabilmente al tuo posto tirerei fuori l'argomento in maniera vaga ma ferma, per la serie "Ma allora poi, alla fine, quella situazione X...com'è finita? come si sta evolvendo?", così che una risposta deve dartela.
    Alex V

    RispondiElimina
  4. il mio Mimo dipende, anche se preferisce essere lui a risolvere i miei "pasticci". Anche io ho un uomo che ringrazio davvero che ci sia perchè con lui i problemi diventano mooooolto più leggeri e risolvibili. Ma giustamente siamo in due e anche lui quando ha un problema alla fine si sfoga. Posso capire comunque il tuo stato d'animo, perchè alla fine fino a qualche anno fa era anche lui così. In ogni caso ci vuole o tempo, oppure dire "Beh se ne avrà voglia me ne parlerà, e io ci sarò ad ascoltarlo." . Inutile stare a penarsi. L'importante è che gli sei accanto :) e forse per lui è già tantissimo!
    un bacio momoso cara Love <3

    RispondiElimina
  5. secondo me se insisti si rifiuterà ancora di piu di di parlarti della cosa,continua a rispettarlo nella sua scelta

    RispondiElimina
  6. Aspetta ancora un pò...
    Anche mio marito spesso si tiene i suoi "pensieri" e a volte io mi arrabbio e lo rimprovero perché se non si sfoga con me che sono sua moglie, con chi dovrebbe farlo?
    Un abbraccio.
    Miky

    RispondiElimina
  7. Non posso aiutarti perchè di solito io sono quella che non parla con lui delle situazioni...preferisco confidarmi con le mie amiche del cuore...perchè lui non è un provetto consolatore!! Ha le sue frasi standard e da lì non ne esce....Un problema di un'amica? "Tu lascia perdere e non immischiarti che è meglio"....Un problema con mia madre? "Siamo alle solite..vedi? le racconti troppe cose e poi ti arrabbi con lei"...Un problema con i bambini?.."ah...boh...vabbè...domani vediamo!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha!!!No devo dire che A. di solito si impegna...certe volte ti dirò...pure troppo!!!Quando si trasforma in "A. lo psicologo" non lo ferma più nessuno!

      Elimina
  8. C., temo tu debba rassegnarti. Io sono esattamente nella stessa situazione, ma credo che gli uomini in generale siano così. Bellammerda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellammerda davvero! Certe volte mi chiedo a che cosa "servo"... Va bene la storia dell'essere presente, pure il cane è presente...io sono dotata di parola, sfruttami dico io!

      Elimina
  9. mmm... situazione spinosa... se comunicate anche con altri mezzi (magari via email) puoi provare a parlargliene così.
    Lo so, sembra un consiglio strano ma la mia esperienza personale mi ha portato a capire che alcune persone (soprattutto quegli uomini che fanno fatica a comunicare i loro problemi) riescono a farlo meglio per iscritto, quando hanno davanti uno schermo (e non una persona piena di aspettative/preoccupazione/ansia), quando possono correggere quello che hanno scritto e quando possono rileggerlo prima di inviare.
    Non è certo un modo che noi donne considereremmo normale (ci sembra quasi distaccato)... ma per me ha funzionato in diverse occasioni. Certo, se non vi scrivete abitualmente via email potrebbe essere difficile affrontare con naturalezza l'argomento, però potresti sempre valutare altri mezzi di comunicazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io per forza di cose visto il suo carattere molte volte utilizzo msg o mail...anche perchè sono mezzi che utiliazziamo naturalmente quando non siamo insieme...però su questa situazione è stato evasivo anche con quelli!
      Mi sa che dovrò aspettare e basta!

      Elimina
  10. E' imutile...sono tutti molto simili,devono vedersele da soli le loro cose...L'importante credo sia far sentire la propria presenza e vicinanza,e farli distrarre,e ogni tanto buttargliela lì "se hai bisogno di parlare,se vuoi io sono qui!!Quando vuoi"!

    RispondiElimina
  11. sai anche a me capita lo stesso forse perché sono proprio i ragazzi ad essere fatti o così :) quando lui sta male infatti non sempre vuole perlarne ma più che altro come anch eil tuo A ti ha detto preferisce che seki presente anche se in silenzio e io così faccio.Quando so che sto a mele lo stringo forte a me , lo coccolo e così spesso gli torna il sorriso :). Io ti consiglierei di fare lo stesso, A prima o poi sarà pronto ad aprirsi :) anche lui ha i suoi tempi!

    RispondiElimina
  12. Ci sono persone che è meglio non forzare. Forse il suo modo di comportarsi va bene così per il vostro equilibrio di coppia e anche il tuo.

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  13. Gli uomini hanno un diverso approccio ai problemi, io non so che tipo di problema lui abbia ,ma il solo fatto di avertelo detto è gia' per lui abbastanza .....fanno fatica ad aprirsi e a condividere i loro stati d'animo, forse perchè per loro significa ammettere che hanno bisogno d'aiuto.Tu stagli vicino come hai sempre fatto e vedrai che per lui sara' il miglior modo di aiutarlo e apprezzera' molto...questo è quello che ti consiglio perchè anche io ho avuto un esperienza simile.
    Buona serata cara!

    RispondiElimina
  14. Non so..., generalizzare e dire che tutti gli uomini non parlano...e' come dire che tutte le donne parlano:errato... ci son anche quelle taciturne e quelle che parlano per 3.......un libro diceva che l'uomo ogni tanto si chiude nella "caverna" ed e' sbagliato che la donna stia li' ,all'entrata e voglia sapere perche', percome...etc...che deve aspettare pazientemente l'uscita......facendogli sentire che comunque c'e'.....che lui puo' contare su di lei....e che, in qualunque momento puo' parlare.....condivido il pensiero di Kylie..., non forzare.., credo che otterrai l'effetto opposto.totale chiusura!! ti kisso

    RispondiElimina
  15. Sai che in realtà ti capisco benissimo. Io non sono melodrammatica e non esagero mai, anzi tendo molto spesso a sdrammatizzare tutto ma a parte questa differenza tra me e te (mi è venuto un attimo in mente Tiziano Ferro) ti posso capire in pieno perché comunque io sono quella che racconta tutto, anche la più piccola cosa lui invece è quello che per tirargli fuori qualcosa che lo riguarda devi procurarti pinze e tenaglie. Io ci ho discusso un sacco di volte ma alla fine ho capito che quel poco che mi dice per lui è già tanto e significa confidarsi, poi se gli chiedi novità ogni tanto con molta cautela ti potrebbe rispondere. Quando c'è stata una situazione grave me ne ha parlato ma non mi ha detto subito come stava così ho provato a chiederglielo per msg, a volte scrivere le cose è più facile di dirle a voce alta, e lui mi ha detto come stava. Se la vostra situazione non è molto grave è possibile anche che lui tenda a sdrammatizzarla evitando di parlarne troppo. Non chiedere troppo e vedrai che ti dirà lui spontaneamente.
    Un bacio,
    Lenù.

    RispondiElimina
  16. Grazie ragazze! Seguirò il consiglio e aspetterò!Un baco a tutte!
    ^_^

    RispondiElimina
  17. Il mio moroso è esattamente così, mi accorgo che sta male, ma non parla. L'ho visto una volta sola piangere, ed è stato devastante. Da allora ho capito una cosa: meglio aspettare che sia pronto lui a parlare, prima di aggiungergli ulteriore stress a quello che già si tiene dentro e peggiorare la situazione...

    RispondiElimina