mercoledì 16 gennaio 2013

LOVE IS... quando riesce a farti prendere la vita "con filosofia"



Quando il caro prof. ha deciso di piazzare l'esame il 10 gennaio, prima data utile dell'appello invernale, ho adottato la modalità zen.
Non mi sono lamentata e ho passato le vacanze natalizie studiando part-time. Dopo capodanno mi sono rinchiusa a casa. Giorni passati tra il pigiama num.1 e il pigiama num.2.
Poi A. mi ha proposto di partire con lui per CittàLavoro: avrei potuto continuare a studiare, tanto lui avrebbe lavorato la maggior parte del tempo, ma almeno saremmo stati insieme un pò.
Così il 6 gennaio, invece di andare in piazza a mangiare salsicce e ricotta e far foto alle befane a PaeselloSperduto, ho preso la mia valigetta rosa e sono andata con lui.
Quando il 7 gennaio, sul sito della facoltà, ha fatto capolino l'annuncio che l'esame era rinviato al 16, mi sono cominciata a innervosire, ma sono rimasta ancora una voltta zen. Ho dedicato qualche giorno alla tesi e ho ripreso il programma d'esame con calma. 
A. mi ha proposto di restare ancora da lui che è inutile fare avanti e indietro con libri, pc e valigia. Resta quanto vuoi.
Quando ieri è arrivata la mail dal portale studenti che mi comunicava che l'esame è stato rimandato ulteriormene al 23, la mia pace interiore è stata messa a dura prova e stava per partirmi una crisi isterica. 

Perchè io il 21 ho un appuntamento con la prof. della tesi che non sa nemmeno che ho ancora un esame da dare. 
Perchè vorrei cominciare a capire se posso pensare di laurearmi a marzo o a luglio. Perchè sto sviluppando un odio profondo per Rawls, Habermas e Taylor e il pluralismo a forza di studiare e più passa il tempo, più mi sembra di essere meno preparata, anzichè il contrario. E mi cresce l'ansia. E che caspita ha da fare quest'uomo di così importante? Non ha un assistente, sfruttato, frustrato e rompiballe da mandare come tutti gli altri prof.?
E non ridere A. che non c'è niente da ridere. 

-E dai, pazienza... vestiti e usciamo.
-A. se non te ne fossi accorto piove.
-Pioviggina. Portiamo l'ombrello. Andiamo a prendere la macchina qui vicino dal meccanico.
Vabbè, sai che c'è? Mi vesto.
E abbiamo passeggiato sotto la pioggia, mentre continuavo a imprecare contro tutto il sistema universitario. E lentamente ritornavo zen.
E sotto l'ombrello riflettevo sul fatto che A. ha questo effetto calmante che manco il valium.

Questa settimana è stata pesante e lui è sempre stato lì. Ha preso lo scooter quando gli ho chiesto una boccata d'aria; ha girato con me tutto il quartiere di domenica mattina per trovare un bar aperto dove far colazione perchè volevo togliermi il pigiama e vedere gente(non ho ben capito perchè erano quasi tutti chiusi); ha lasciato perdere la partita ieri per finire di vedere con me la prima serie di Dexter; era lì quando la fame nervosa mi ha fatto venir voglia di patate fritte e dopo il turno notte, lunedì mi ha portato la raviola (una sorta di raviolo fritto con ricotta per i non siculi).
Era con me, E questo è bastato a rendere tutto un pò meno pesante.
Ad allentare la tensione, a farmi vedere il bicchiere mezzo pieno.
E ho capito che a volte amare significa semplicemente esserci.

31 commenti:

  1. Hai capito una cosa molto importante allora! che voglia di andare a dirla all'esame! :) in bocca al lupo,
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari potessi essere interrogata su questo :)

      Elimina
  2. La tua ultima frase mi ha un po'commosso, sai?
    A volte abbiamo semplicemente bisogno di una persona che ci sopporti anche quando siamo insopportabili, che ci sostenga e che ci ascolti..e a volte la si dà per scontato...
    Ma questo è il regalo più bello che possiamo ricevere, essere accettati per quello che siamo, anche nelle giornate no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero... a volte però vado in crisi perchè ho paura di scaricare troppo i miei problemi e i mie malumori su di lui!
      Lui invece è molto più bravo a dividere la vita in "comportamenti stagni"!

      Elimina
  3. momosina sono contenta che ora hai trovato la risposta momosa :3 in bocca al lupo per il momoso esame! accidempolina oggi mi sono momodistrutta dandone due! poi racconterò momosina non temere!
    bacione momoso :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ti ho pensata :)
      Almeno tu ti sei tolta il pensiero spero!

      Elimina
  4. Solidarizzo, cara, sono problemi che affronto ogni giorno e anche mon amour ha un potere calmante sui miei nervi che nessuno ha e per questo non lo amerò mai abbastanza!

    RispondiElimina
  5. Tieni duro, pensa sempre che è l'ultimo esame e dopo avrai finito. Anche per me l'ultimo è stato tremendo, si è fatto attendere come non mai. Non ne potevo più, quindi ti capisco benissimo. Ma vedrai che tra poco tutto passerà. E se ad alleviare la tensione c'è chi si ama, tutto si affronta meglio. In bocca al lupo, mi raccomando forza!

    RispondiElimina
  6. Che tenerezza, dai su che sei fortunata ad averlo così vicino a te, soprattutto a condividere con te questo momento particolare.
    Baci!

    RispondiElimina
  7. ti capisco ma io ora come ora esulterei se mi spostassero l'esame di venerdì...
    tuttavia non è mai successo che me ne hanno spostato uno (purtroppo?) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avesse spostato l'appello di dicembre, avrei fatto i salti di gioia e mi sarei tolta il pensiero prima di natale....ma ora non ne posso più perchè i tempi si fanno troppo stretti!

      Ma Emy come stai? Ha deciso di chiudere il blog definitivamanete?

      Elimina
    2. sì cara, ho chiuso baracca :)

      Elimina
  8. È stato prezioso davvero. Una fortuna per te. Continua a portare pazienza.

    Bacio cara

    RispondiElimina
  9. E se pensi di aver visto tutto dal sistema universitario, te ne racconto una: a un mese dalla discussione della tesi sono stata gentilmente informata che "si erano persi il verbale di un esame"... ho reso l'idea???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ne ho sentite di tutte i colori!Il fatto è che sono stata abituata male, perchè la triennale l'ho frequentata a torvergata che è una sorta di paradiso dello studente sotto questo punto di vista...qui cambiano le carte in tavola ogni 30 secondi, dovrebbero abbonarti qualche credito solo perchè sei riuscita a stargli dietro senza avere un esaurimento nervoso!!!

      Elimina
  10. Si è bello sapere e accorgersi che lui c'è!!In bocca al lupo per l'esame!!

    RispondiElimina
  11. Infatti è la cosa più bella che esiste! Anche a me Lui quando ho bisogno mi è molto vicino, mi capisce e sa tranquillizzarmi sempre! Mi basta averlo accanto e tutte le preoccupazioni svaniscono =)
    E per quanto riguarda i prof ti capisco benissimo, fanno solo saltare i nervi, cerca di portare pazienza anche se so che sarà difficile, incrocio le dita per te ^^

    RispondiElimina
  12. Davvero assurdo come la nostra pazienza di studenti universitari venga costantemente messa a dura prova, e li paghiamo pure! Meno male che c'è A. dunque, altrimenti avresti appiccato un incendio e ne avresti avuto tutto il diritto!
    Con Habermas non si può resistere a lungo :)
    Non c'è niente di meglio quando si ha la luna storta di sapere che comunque c'è una persona che veglia su di te, in silenzio, senza frasi di circostanza.
    Meraviglioso.

    RispondiElimina
  13. Bellissimo...
    ed è in questi momenti con questi piccoli gesti che non richiedeno sforzi enormi che capisci il valore della persona che hai a fianco e quando ci tiene...
    Purtroppo non è il mio caso...
    e non capisco se sia mancanza di voglia o proprio non ci arriva...

    RispondiElimina
  14. E' proprio vero <3
    Un abbraccio.
    Miky

    RispondiElimina
  15. ti comprendo cara Love!Proprio ieri ho avuto un esame (alle 14:30 -.-) e,come prassi vuole,han di nuovo bocciato tutti! Poichè è la 4° volta che lo provo ed è pure una materia propedeutica a tante altre,ieri sera ho rotto le scatole al mio povero A. che ha perfino rinunciato a guardare Mistero per stare ad ascoltarmi!!!
    Parla e riparla...mi son calmata così tanto che mi sono addormentata tra le sue braccia :)
    Infondo c'è un posto più sicuro se non le sue braccia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia questi prof che godono a fare la strage all'esame io non li capisco proprio... pensano che istaurando il regno del terrore avranno una carriera migliore?! Io spero esista il karma -_-

      Elimina
    2. il karma c'è! I professori delle altre materie si son stancati di mettere appelli d'esame a cui nessuno si presenta e si son coalizzati contro di loro :D

      Elimina
    3. Hanno fatto bene!!!Al rogo certi elementi!

      Elimina
  16. anche il mio lui c'è nel momento del bisogno e anch'io faccio lo stesso <3 in amore non si è perfetti ma è importante essere un sostegno l'uno per l'altra :)

    RispondiElimina
  17. Ohh! Che belli!

    Me piace tanto tuo Blog..Ti aspeto da me..

    http://couturetrend.blogspot.it/

    Bacione

    RispondiElimina
  18. La vita universitaria è veramente veramente stressante. Ricordo benissimo la fatica lo stress e la burocrazia… Però, come dici tu, se hai una persona così speciale accanto, Tutto sembra più facile., Perlomeno, quando ci facciamo consolare da loro ..:-)

    RispondiElimina
  19. ciao cara...ti capisco!
    ho rischiato di impazzire!

    colgo l'occasione per avvisarti che sto abbandonando il vecchio blog a causa di visite spiacevoli.
    Però mi potrai trovare in quello nuovo:

    http://seleneoverthepond.blogspot.it/

    kisses

    RispondiElimina
  20. Bella conclusione...ed è proprio così, anche perché se nonc i tranquillizzano loro a volte potremmo non rispondere più delle nostre azioni... :-)

    RispondiElimina
  21. Non è che quando ho le mie crisi di ansia mi presti A. x qualche ora???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha!!!te lo posso noleggiare per qualche ora! :D

      Elimina