domenica 14 aprile 2013

LOVE IS... quando ti senti al sicuro


L'altro giorno guardavo l'ultimo episodio di "The Carrie Diaries" e si parlava d'amore. Una Carrie adolescente alle prese con la sua prima vera cotta chiedeva se essere innamorati significa necessariamente soffrire.
Se è normale sentirsi come su un'altalena.
Essere in pochi secondi così in alto da poter toccare il cielo, per ritrovarsi a terra il momento dopo, a chiedersi se è il caso di darsi un'altra spinta per volare di nuovo.
O se piuttosto l'amore non dovrebbe garantire serenità, stabilità.
Una casa col portico e la staccionata, cani, gatti e figli.

La sua mentore, Larissa, le risponde che non tutti raggiungiamo la felicità allo stesso modo.
Che esistono i "tipi da portico" e quelli che vivono alla giornata, curiosi e alla ricerca di emozioni sempre più forti.

Al che mi sono detta: "non ci sono dubbi, io sono proprio una noiosa tipa da portico". Anche se poi questa definizione non mi piace per niente.
Non ho mai sognato una famiglia alla "Mulino Bianco". 
Non mi vedo affatto in una villetta con giardino e sfornare torte.
Non mi dispiacerebbe avere un lavoro di quelli che ti portano a viaggiare, ma che ti danno l'opportunità di tornare a casa con frequenza.
Non so se desidererò avere dei figli prima o poi.
Insomma, quello che voglio dire è che non cerco necessariamente stabilità nella vita in generale, ma in amore la pretendo. 

Non potrei vivere una storia che mi porta a soffrire spesso.
Questa storia che l'amore debba necessariamente far male chi l'ha inventata?
Indipendentemente dagli "alti", non riuscirei a vivere con troppi "bassi".
Indipendentemente dai momenti di gioia estrema, non riuscirei a vivere con le lacrime agli occhi troppo spesso.
Le altalene a un certo punto mi stancano.

Ed è già tutto così incerto che vorrei avere almeno l'illusione che il compagno che mi sono scelta per la vita sia un punto fermo.

Voglio potermi fidare (quasi) ciecamente, senza sprecare energie in paranoie e gelosie. Voglio poter credere che ci sarà quando ne avrò bisogno.
Che sarà dalla mia parte. 
Perchè per me l'amore è sentirsi al sicuro.

E per sentirsi al sicuro non servono case in periferia, staccionate, cani o gatti.
Basta la persona giusta.


Voi cosa ne pensate? Amate le storie un pò tragiche alla Romeo e Giulietta o dalla vostra storia pretendete serenità e pochi drammi?


P.S. Grazie mille per i premi che mi avete assegnato in questi giorni, vi prometto che il post dedicato arriverà in settimana! 
 



26 commenti:

  1. Ciao, ti seguo sempre, anche se non lascio mai commenti...però stavolta sento proprio il bisogno di farlo! Non puoi capire quanto mi riconosco in quello che scrivi!! Davvero! Mi capita spessissimo di leggere i tuoi post e rispecchiarmi completamente nelle tue parole, quasi come se le avessi scritte io! Brava,un bellissimo blog: vero, diretto, senza peli sulla lingua. Ottimo lavoro!
    Irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeee ^_^
      Mi fa piacere quando trovo qualcuno che si riconosca nelle mie stesse situazioni o emozioni, mi sento "meno matta e meno sola"!!!

      Elimina
  2. per me l'amore deve essere serenità... se è fatto di drammi e tormenti secondo me non è amore, soprattutto non è amore verso sé stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice di questo commento perchè così vi ho ritrovatiii...non riuscivo più a ricordare il nome del blog!!!Sono molto indietro con le puntate del vostro racconto, ma recupererò ;)

      Elimina
  3. Sono una persona estremamente noiosa che ha bisogno di stabilità, soprattutto negli affetti. Non sopporto le storie in cui si è su un'altalena, io ho bisogno di sapere che la persona al mio fianco mi ama e che ci sarà qualora dovessi aver bisogno. Le storie in cui oggi si è insieme mentre domani chissà non fanno proprio per me! Io nel mio futuro vedo un compagno stabile e una famiglia, non so in quale posto del mondo, ma io sogno questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora siamo in tante a preferire la noia mi sa ;)

      Elimina
  4. Io la penso come te...Ma l'Amore a volte porta anche sofferenza...L'importante è che sia una cosa passeggera...Io stò attraversando un periodo un pò complicato...Ma spero che l'Amore possa aggiustare le cose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì questo sì...amare ogni tanto porta a soffrire e ci sono periodi nerissimi, ne sono consapevole!L'importante è che non diventi la regola, perchè forse a quel punto non ne vale la pena!

      Elimina
  5. Assolutamente pochi drammi! Le tragedie greche lasciamole fare a chi ne ha le competenze. Non mi piace sentire tremare la terra sotto i piedi, ho bisogno di stabilità perlomeno con Lui. E mi piace sentirlo come il mio porto sicuro. Penso che la serenità sia un ingrediente assolutamente fondamentale in una relazione di coppia. Un bacione

    RispondiElimina
  6. Sicuramente ci vuole serenità e fiducia per vivere bene una storia d'amore...ma credo che qualche attimo di crisi o difficoltà capiti a tutti prima o poi...l'importante è parlarne e risolverlo insieme, per continuare a vivere una bella storia d'amore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La crisi "una tantum" è sacrosanta, così come il periodo di basso...sono d'accordo...anzi forse la coppia che funziona si vede proprio nel momento di crisi!

      Elimina
  7. I drammi,purtroppo,fanno parte delle storie d'amore. Certo,c'è dramma e dramma...c'è quello che può rafforzarla e quello che può annichilirla,quello che può confermare delle certezze e quello che sottolinea le insicurezze....diciamo che son sempre dell'idea che la virtù sta nel mezzo. Drammi e sicurezza.
    Per esempio,per quanto io sia quasi sicura che con il mio A. ci sarà "il lieto fine" (matrimonio,casa con il portico,figli e cani) dall'altro lato sono consapevole che potrebbe anche non essere così; che un giorno potremmo lasciarci e trovare altri amori,oppure buttarci sul lavoro e metter da parte la famiglia...insomma,cerco la sicurezza anch'io,ma prima di ogni altra cosa cerco anche di non sognare troppo per evitarmi,il giorno in cui potrebbe accadere,un eventuale caduta dall'altalena.
    Ma,infondo,per dare la spinta necessaria affinchè l'altalena vada in alto,è anche necessario piantare i piedi per terra...o no? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì questo sicuramente...anche perchè essere troppo sicuri dell'altro finirebbe nel "darlo per scontato" che non va neanche bene! Diciamo, non tanto sicurezza che lui ci sarà in generale, ma che finchè ci sarà ptrò contare su di lui!
      Comunque piedi puntati a terra sempre, prima del volo...che è meglio!!! :D

      Elimina
    2. e poi suuuu,verso l'infinito ed oltre :D

      Elimina
  8. Un po' si altalena mi piace...soprattutto agli inizi,ma se si parla di anni preferisco il portico!

    RispondiElimina
  9. Gli alti e i bassi sì, i sali e scendi no. Intendo dire che ci sono dei giorni in cui lui non vuoi sentirlo ti fa irritare perché come lo fa la mamma non lo fa nessuno. Critica ogni cosa che fai e tu sei li che vorresti urlare come una pazza... ecco quelli sono gli alti e i bassi. I sali e scendi sono quelli che lacerano il cuore, possono essere di varia natura non solo legati a tradimenti o roba varia. Questo proprio non potrei sopportarlo, perchè in amore do' tutta me stessa senza risparmiare una singola briciola e vorrei che l'altra mia metà possa esserci senza farmi star male!
    Baci
    Nicole

    New post on Hidden Beauty: Street Style: Australia fashion week 2013

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco hai riassunto perfettamente quello che intendevo...gli alti e bassi sono una cosa, ferirsi a vicenda in continuazione è un'altra. Anche con tutto l'amore del mondo non potrei sopravvivere a una storia così, mi sfinirebbe!

      Elimina
  10. Io inconsciamente sono sicuramente una che predilige le storie da drammi... la normalità mi stufa :o ma non è sempre bello!

    RispondiElimina
  11. Evviva l'amore tranquillo e sereno....assolutamente! Gli alti e bassi li abbiamo tutti...e se non ci fossero i bassi....gli alti che alti sarebbero? :D Ovvio che non ne vorrei nemmeno uno, ma capitano si sa....e quindi è meglio scherzarci su.Di amori che fanno soffrire ne ho avuti dal liceo fino ai 22 circa.....e quanta sofferenza! Forse tutta in una volta da farmi credere che da "grande" questi amori non esistano -.- ma mi rendo conto che in effetti la mia è stata "fortuna". Il mio lui mi deve proteggere ed esserci sempre come io ci sarei per lui....e nella realtà adesso è davvero così <3 *-*
    Tanta serenità e un bel "portico" non noioso per te ed il tuo amore! ;)

    RispondiElimina
  12. Mah, domanda difficile. Penso che ogni persona veda l'amore in maniera molto personale e non necessariamente avere la 'sicurezza' del proprio amato vada bene a tutti, che poi sicurezza non può mai essere, a pensarci bene, perché l'essere umano per sua natura non è affidabile al 100%. Se potessi scegliere forse opterei per le certezze, ma non nego che le storie drammatiche esercitano su di me un certo fascino!

    RispondiElimina
  13. Personalmente sono d'accordo con te! Se la persona che ami non ti dà sicurezza, che amore è?
    Io voglio fidarmi di lui, sapere che se c'è qualche problema lui è lì ad aiutarmi!
    Non sto dicendo che i momenti difficili non ci sono mai, capita che si discuta di qualcosa, ma quando i momenti tristi superano di gran lunga quelli felici, è ora di porsi qualche domanda.

    RispondiElimina
  14. Stessa identica cosa, guarda. Io sono proprio come te; sfornare torte mi piace ma non è la mia missione nella vita; sapessi che fatica riuscire a essere come descrivi...pare si stia in equilibrio tra clichè rodati e stagnanti...io lotto per essere così, ti rendi conto? pazzesco. Perchè una da porto sicuro, come dici tu, pare che possa fare solo la madre modello, non so. Non lo so chi l'ha inventato, sì l'amore fa anche male, sai, più che altro siamo tutti diversissimi e ognuno ha chiaramente un modo di intendere vita e amore molto diversi:)

    RispondiElimina
  15. Che bello questo post. Sono perfettamente d'accordo con te, al 100%!

    RispondiElimina
  16. La sicurezza spesso viene confusa con noia e routine, piuttosto che con relazioni che si adagiano. Inveve per me non c'entra nulla anzi, la sicurezza che ti da la tua metà è qualcosa di splendido a cui non rinuncerei mai!:)

    RispondiElimina
  17. Bel post!
    Beh anche io vorrei serenità, ma non è detto che amore non porti anche un po' di dolore... anche nelle storie in cui ti senti più al sicuro... non bisogna dimenticare che si parla id due persone che si evolvono con il mondo che le circonda e quindi è normale che la serenità che si cerca non sia sempre garantita... ma personalmente, se non ci fossero questi momenti "in bilico" non avrei appreso realmente quello che ho di prezioso...
    ti piace The Carrie Diaries? Non sono riuscita a dargli un'occhiata, ma non me ne hanno parlato bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo...nei momenti di crisi si vede la coppia!Ma senza delle sicurezze di base, forse io la crisi nn riuscirei ad affrontarla!Mi unisco alle critiche negative su The Carrie Diares: fondamentalmente è una serie che non consiglierei a maggiori di 18 anni...è un pò per adolescenti e di sicuro non mi dispererò se non rinnoveranno la stagione, però se vuoi una cosa molto leggera per passare il tempo mentre tutti i tuoi telefilm del cuore sono in pausa,può anche andare! :D

      Elimina