giovedì 2 maggio 2013

LOVE IS... viaggio in Belgio (3)

Ed eccoci all'ultima tappa del nostro viaggio.
Arriviamo a Bruxelles intorno alle quattro del pomeriggio. 
E si capisce subito che siamo nella capitale.
La stazione è un via vai di gente: turisti con le cartine, studenti, uomini d'affari, tutti di fretta, con quel passo svelto che contraddistingue chi vive in città.
Cerchiamo di capire come funzionano le linee metro...devo dire che le ho trovate un pò complicate, con più treni che vanno in direzioni diverse cha passano dallo stesso binario. 
Comunque riusciamo a fare i biglietti alle macchinette automatiche e a raggiungere l'albergo. Tra l'altro non si contano quelli che saltano i tornelli o passano in due con un solo biglietto... giusto per dire che gli imbrogli non li fanno solo gli italiani (non che questo ci giustifichi per carità!)
Lasciate le valigie, ci dirigiamo verso la Grand Place, spettacolare proprio come avevo letto in alcuni diari di viaggio online. 





Se siete scaramantici non dimenticate di toccare la statua che si trova proprio dietro la piazza, dicono che porti fortuna!


La giornata è splendida e per la prima volta dall'inizio della settimana posso togliere il cappotto e la sciarpetta.
In piazza si trova l'ufficio informazioni e io so già che lì si possono acquistare le "mappe tematiche" che ti aiutano a costruire un itinerario su misura in base ai tuoi interessi. Acquistiamo per 0,50 cent la cartina a tema "comics" che svela dove poter trovare i murales più belli della città.
Così ci perdiamo tra i vicoli del centro alla ricerca di queste meraviglie.
Vi assicuro che la foto non rende, dal vivo sono davvero un'altra cosa.


Questa sorta di "caccia al tesoro" è stata in assoluto la cosa che mi è piaciuta di più dei nostri due giorni a Bruxelles.
A questo punto andiamo a rendere omaggio al vero simbolo della città: il Manneken Pis, il bambino che fa pipì.
Un pò deludente, non c'è che dire, ma la foto è d'obbligo!


A questo punto ceniamo all'aperto in un ristorantino del centro e torniamo al nostro b&b perchè siamo stremati. Alle 21,30 il termometro segna ancora 26 gradi. Il giorno dopo invece ci svegliamo sotto la pioggia battente. Usciamo e si gela: no dico, ma 'sti poveracci come fanno a resistere all'escursione termica tra un giorno all'atro? Comunque il tempaccio non ci ferma e ci fiondiamo in metro con direzione quartiere europeo.
Io ho un debole per la storia e le istituzioni dell'UE, da quando in quinta elementare la mia maestra scelse l'Europa come progetto pomeridiano.
Ci spiegava con così tanta passione come saremmo potuti diventare cittadini d'Europa, di come dopo due guerre mondiali gli stati del vecchio continente avessero capito che collaborare gli avrebbe potuto portare solo dei vantaggi.
E lo so che nella situazione attuale sono più quelli che pensano che staremmo meglio con le lire e a farci gli affaracci nostri, ma a me questa fiducia nell'Europa è rimasta.



Purtroppo scopriamo che le visite individuali al Parlamento sono sospese e mi dispiace tantissimo, anche perchè dal resoconto di Giulia avevo letto che sarebbe stato interessante.
Riprendiamo la metro e ci dirigiamo verso il Palazzo reale (anche questo chiuso al pubblico e visitabile solo nel periodo di luglio-settembre, quando la famiglia reale si sposta nella residenza estiva). Maestà, qualche stanza ai poveri turisti potrebbe aprirla però!


Infine ci dirigiamo verso la cattedrale che vi consiglio vivamente di non perdere. Mi dispiace di non avere foto decenti degli interni, ma vi assicuro che merita davvero una visita.


Piove troppo, quindi decidiamo di lasciar perdere l'Atomium che molti altri turisti incontrati il giorno prima (Bruxelles è piena di italiani) ci hanno sconsigliato perchè "niente d particolare". Pranziamo e ci riposiamo qualche ora in hotel, poi dedichiamo l'ultimo pomeriggio a waffel, birra e souvenir.
Giudizio finale su Bruxelles? Mi è piaciuta forse più di quanto mi sarei aspettata, ma non è scattato il colpo di fulmine come per altri capitali.
Mi piaciuto il suo essere chiassosa, bilingue, cosmopolita, il suo dare l'impressione di accogliere chiunque e di avere un posto e un'opportunità per tutti. Se avete la possibilità comunque, merita di sicuro un weekend.

TO BE CONTINUED
(nooo ancora? ma quanti post ci vuole far sorbire questa su 'sto viaggio??? Ecco, se sono stati questi i vostri pensieri al "to be contnued" vi rassicuro, il prossimo sarà l'ultimo. Lo dedicherò ad alberghi/birrerie/ristoranti così magari se qualcuno si trova a passare di qua e vuole copiare l'itinerario, trova anche qualche consiglio pratico utile!)

15 commenti:

  1. Condivido il tuo stesso giudizio su Bruxelles!! metro poco intuitiva, bellissimi murales, menelin deludente e bellissima Grand place. Io il braccio l'ho toccato :D Anche io ho avuto a che fare con l'escursione termica, sole e caldo senza un criterio!
    Bella ma non bellissima insomma!!

    Aspetto l'ultimo post :)

    RispondiElimina
  2. Simpatica l'idea degli itinerari a tema! A Bruxelles non ci sono mai stata, ma ho sentito tante persone dare un giudizio simile al tuo!

    RispondiElimina
  3. Oh che bello che bello che bello. Attendo l'ultimo post e mi segnerò nel mio quaderno dei viaggi albergi-birrerie-ristoranti che citerai in attesa di andare a trovare il Belgio. :)

    RispondiElimina
  4. Concordo sui murales, anche a me erano piaciuto tanto. Ti confermo che per l'Atomium non ti sei proprio persa niente...

    RispondiElimina
  5. Ma da quant'è che non passo da te? Decisamente troppo non mi ero neanche accorta che eri partita! Belle foto. Vado a dare uno sguardo agli altri post. ^.^

    RispondiElimina
  6. Non sono mai stata in Belgio ma il tuo racconto mi ha fatto venire voglia d'andarci!!!

    RispondiElimina
  7. ciao bellissimo blog! nuova follower ricambi?
    e lascia un commento!
    http://emmapru16.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. SI anche io l'ho trovata molto sporca rispetto alle altre capitali visitate, e di ad A. che non è questione di orientamento! Credo che si perderebbe anche Galileo Galilei xD davvero, anche il mio amico che vive lì aveva dei problemi!!
    La Russia devo dire che mi affascina! Quest'estate (dopo che i nostri amici ci hanno bellamente tirato il pacco)noi stiamo guardando un pò per la Tunisia, la sorella di Alberto ha un'agenzia di viaggi quindi vediamo che si riesce a combinare :)

    RispondiElimina
  9. I murales sono una cosa che sarei proprio curiosa di vedere... una mia amica viveva a Bruxelles e me ne parla sempre bene... dei murales e della cultura underground, per il resto è sempre stata incerta... ci sono cose che ha adorato e altre che invece ha detestato... di sicuro vederla in primavera o d'estate ti permette di poter godere di quel po' di sole che d'inverno non vedi mai! :-)

    RispondiElimina
  10. Chissà che belli i murales dal vivo...pure la cartina, troppo forte!

    RispondiElimina
  11. I murales li adoro :D vorrei partire anch'io :D ti volevo ringraziare per i commenti lasciati sul mio blog nonostante la mia assenza :D un bacione e buona domenica stellina :-*

    RispondiElimina
  12. che meraviglia di viaggio.

    vorrei assolutamente andarci!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  13. Mi son persa i primi due post, davvero bella la Grand Place!

    RispondiElimina
  14. Dai, che meraviglia! Dev'essere una bellissima città :)

    NEW POST! COME VISIT! "Just a Flea"

    RispondiElimina