mercoledì 30 gennaio 2013

LOVE IS...la colonna sonora della nostra storia (aspettando S. Valentino #4)




L'anno scorso vi ho proposto la mia compilation di canzoni d'amore preferite.
Oggi invece condivido con voi la colonna sonora della mia luuungaaa storia d'ammooreee... Vi avviso che sarà un post ad alto contenuto di musica trash. Astenersi intenditori!!!


Allora, tutto cominciò nel lontano giugno 2003: in tv una bellissima pubblicità rende famosa questa canzone. E' praticamente sempre in radio quando A. passa a prendermi a casa con la sua vecchia lancia Y.
"It's good to be in loveeee"



Stiamo insieme ormai da qualche mese ed A. timidamente mi porge un cd.
L'ho fatto per te e tra tutte le canzoni che ho messo una è dedicata a te, prova a capire qual è!

Così appena a casa mi fiondo allo stereo. La individuo subito la canzone per me, però non sono sicura al 100%. Non sarà un pò troppo dopo pochi mesi "I was born to love you"? E se poi mi sono sbagliata? Che figura ci faccio? Di quella che già si aspetta che sia innamorato? Ahhh che nostalgia delle "crisi inutili" da sedicenne in amore... Naturalmente poi la canzone che voleva dedicarmi era proprio quella!



Prima festa del liceo in coppia... Ho addirittura il permesso di tornare a casa alle due e mezza e può accompagnarmi A. Sono conquiste. Ho le mia gonnellina strana da discoteca e gli stivali con un tacco tutto sommato comodo. Passo da mia sorella che ha comprato la sua prima piastra: un bestione di quelli di 10 anni fa, non so se avete presente, che pesano 10 kg e ti bruciano il capello all'istante
Sono anni spensierati, la più grande preoccupazione è l'interrogazione di latino o il compito di matematica. Sono gli anni di ore passate in piazza a fantasticare con le amiche di quando saremo universitarie e andremo a vivere da sole.
Sono gli anni di Prezioso e Gabry Ponte...gli anni che la house la mettono solo a fine serata per cacciare la gente!
"Io non so come maiiiii, apro gli occhi e vedo teeee, quella luce che mi daiii, sarà il sorriso che mi faiii, balla qui vicino a meee!"

 

"E amami, baciami, amore, ti amoooo...voglio ballare con teee"





E poi arrivano i primi problemi. Io che non mi fido, lui che non fa niente per farmi cambiare idea. Incomprensioni, liti, sembra tutto troppo serio a 18 anni.
Mentre in radio trasmettono ininterrottamente "She will be loved", io decido di chiudere la mia prima storia d'amore.



E passa un anno. A. che continua a cercarmi, io che continuo a negarmi.
Lui che chiede di mettere da parte l'orgoglio e di riprovarci, io che non so che fare. Nel mio lettore mp3 da miseri 516 Mb questa canzone di Eros Ramazzotti.
In un raptus di follia, dopo mesi di silenzio, invio il testo tramite mail ad A.

"Seeenza di tee, me ne sto in beata solitudine, faccio da mee, ora che c'ho preso l'abitudine, me la godo un pò e sai che ti dirò, alla fine tanto male non ci stooo".
(Sì certo per questo sto sul divano ad ascoltare eros ramazzotti a 18 anni, mi pare che stavo messa proprio bene).
"Non mi rodo più. Non mi importa più dove te ne vaiiii!"
( Infatti dopo un anno ti controllo ancora le mail e chiedo a chiunque che combini, ma giusto perchè non m'importa più!)
"Io indietro non ci torno piuuuù"
(E sempre per questo dopo un anno ti mando questa canzone!)


E così ricominciamo a sentirci. E gli Zero Assoluto questa canzone sembra l'abbiano scritta per noi. E A. ha il cd in macchina e ci baciamo.
Ho di nuovo il suo profumo addosso. E sto bene, non m'importa nient'altro.

"Sto pensado chee se ritornano, le parole con te, se ne vale la pena oppure vorrei più fortunaaa....Sei parte di meee"


E torniamo insieme. Ma io parto per Roma. Iniziano tre anni difficili, a distanza. Un pomeriggio, sul vecchio messenger di Msn (oddio quanto sono vecchia!) A. mi manda questa.
"Don't you worry about the distance, I'm right there if you get lonely, give this song another listen close your eyes. Listen to my voice, It's my disguise. I'm by your side"



E a S.Valentino riesco a ritagliarmi una settimana in Sicilia. Compro le candele, lenzuola rosse, un centrotavola con palloncini a cuore, tovaglia, tovaglioli e bicchieri e biancheria intima a tema. Mi faccio lasciare alla sua casa al mare e lo mando a prendere due pizze.  Sistemo tutto prima che arrivi. Il sottofondo è "voglio farti un regalo, di quelli che non puoi aprire di fronte ad altra gente, perchè il regalo più grande è solo nostro per sempre"


E passano i miei tre anni da fuori sede e con la mia triennale decido di tornare a casa. E cominciamo a vivere la quotidianeità. Io che mi ferma a CittàLavoro, il litigare per il disordine, per la tazzina di caffè e i fazzoletti sparsi per casa. E io che cucino per lui, e le giornate in giro sullo scooter e la colazione a letto dopo i suoi turni di notte. E ci iscriviamo a Facebook e per la prima volta credo, gli posto una canzone con una faccina sorridente.
"You make me feeel like I'm living a teenage dream...You and I will be young forever"
E lui, con la solita raffinatezza che lo contraddistingue,mi contatta in chat scrivendo :"ma che schifo di canzone mi hai condiviso? Katy Perry?"
"Cioè io faccio la romantica, ti dedico una canzone che dice che mi fai sentire come in un sogno e tu mi dici che fa schifo?!"
"Ma era per me? Ma che ne so...quando mai hai avuto questi slanci romantici in pubblico? Non ho fatto caso nemmeno alle parole...scusa amore non l'avevo capito!"
Vabbè. Niente più dediche naturalmente.



E poi l'anno scorso a S. Valentino decidiamo di regalarci il concerto di Jovanotti.
"Io e te, che abbiamo fatto tutto e tutto c'è da fare. Che siamo ancora in piedi in mezzo a questa strada...Io e te... Il più grande spettacolo dopo il Big Bang, siamo noi io e teee"

 


E infine dopo una puntata di Glee A. mi dedica questa. Solo questa donna può far diventare poetico David Guetta!

"If you are not here, I'm paralized, whithout you..."


E lo so che la "love compilation" è un pò da adolescenti, però vi assicuro che mi sono divertita a farla. E mentre sceglievo le frasi più significative mi tornavano in mente tante cose. Insomma alla fine ho preparato il mio "quadretto", devo solo farlo stampare in un cartoncino e sistemarlo in una bella cornice a giorno.
Mi piace pensare che sarà lì appeso a casa sua a ricordargli quanti momenti, belli e brutti abbiamo passato. Spesa totale, meno di 10 euro!




domenica 27 gennaio 2013

LOVE IS... aspettando S.Valentino 2013 #3


Le "inspirational quotes"  sono la mia nuova passione... Voglio riempire casa con questi quadretti pieni di frasi positive: magari a forza di trovarmele davanti finiranno per trasmettermi un pò di positività!
Comunque in giro per il web si trovano parecchie stampe molto carine a tema "amore" e ho pensato che potrebbero essere un'idea originale ed economica per San Valentino.

Questo qui lo ha realizzato una blogger che io amo particolarmente, si tratta di Ghirlanda di Popcorn e a questo link potete scaricarlo gratuitamente, stamparlo e sitemarlo in una bella cornice.



Questi invece li ha realizzati Laura di  "The Old Pink Room" e qui trovate tutte le informazioni del caso. Si tratta di stampe personalizzabili per vedere i vostri nomi insieme a quelli dei vostri beniamini dei fumetti, i vostri personaggi letterari o di telefilm preferiti. Li trovo molto originali!






Se poi digitate "love posters" su Etsy si aprirà un mondo... Questi sono alcuni dei miei preferiti!










Se poi siete bravi con i programmi di grafica, potete provare a cimentarvi e a creare voi la vostra stampa personale! 
Che ne pensate? Io credo che proverò a farne uno per casa di A., magari poi vi mostro cosa ne viene fuori.

P.s. A proposito  di stampe, potete vincerne una partecipando al giveaway di Miky!





venerdì 25 gennaio 2013

LOVE IS... condividere lo stesso letto



Sono tornata a Paesello Sperduto... Chi mi segue su facebook o ha sbirciato il box degli aggiornamenti a destra sa già che il mio ultimo esame è andato bene: ora manca solo il consenso della mia relatrice per considerarmi una laureanda della sessione di marzo! ^_^
Comunque sono qui, nel mio lettino, dopo tre settimane a casa di A. e devo dire che "fa un pò strano".
Tempo fa leggevo su non so quale rivista, che sempre più coppie decidono di dormire in letti separati; che è scientificamente provato che il sonno in solitaria è più riposante. E forse è vero.
Quelle scene da film, di amanti che trascorrono la notte abbracciati e si risvegliano radiosi, sappiamo tutti che non trovano riscontro nella realtà. Perchè ad un certo punto ti cominciano a formicolare le mani, ti arrivano i crampi alle gambe o ti devi alzare per far pipì e ti trovi intrappolata tra le sue gambe e le sue braccia. 
Diciamocelo: per più di dieci minuti il pisolino romantico non se pò fà!
Quando dormo da A. dividiamo una piazza e mezzo e lui di notte si posiziona in diagonale confinandomi in un angolino.
Tutte le sere devo sorbirmi "Speciale calcio mercato" su SportItalia, e quando sento che si è appisolato e cerco di rubare il telecomando lui finisce per svegliarsi e sostenere che "stava solo riposando gli occhi".
Così gli dico di inserire almeno il timer di spegnimento.
Lui mi risponde che lo farà. 
E alle quattro mi sveglio puntualmente trovando la tv ancora accesa.
E ogni tanto ha questi incubi in cui ci molliamo/ io cado da un ponte e mi deve salvare o mi scopre con improbabili amanti. 
No dico, se devi sognare che ti tradisco, almeno immaginami con uno strafigo, non con un bruttone sfigato. Così finisce sempre che mi sveglia blaterando qualcosa, poi si gira dall'altro lato e si riaddormenta nel giro di trenta secondi, mentre io non riesco più a prender sonno. Che poi questa gelosia da sveglio dove va a finire dico io? Che ogni tanto farebbe piacere, ma non è proprio pervenuta oltre la fase rem!
E poi continua a sostenere che sia io a rubare lenzuola e coperte, quando è lui che a un certo punto, nel cuore della notte, decide di scoprirsi completamente.
Aggiungerei rigirandosi con la delicatezza di un pachiderma.

Tutto questo per dire con molta coerenza che, nonostante tutto, già mi manca.
Magari dormirò beatamente stasera, ma mi mancherà il fatto di non addormentarmi e svegliarmi accanto a lui, di non avere il mio bacio della buonanotte e del buongiorno.

A voi come va la "condivisione del sonno"? Siete tentate di ritornare al vostro letto singolo? 


 

giovedì 24 gennaio 2013

LOVE IS...(aspettando S. Valentino 2013 #2)

Si lo so che vi ho detto che S. Valentino non dovete intenderla come una festa commerciale per alleggerire il portafogli a tutti i costi... ma ho trovato un giro un pò delle special edition e non ho resistito a raccoglierle in un post!


Essence propone "Hugs and kisses", una mini collezione "cuore, sole, amore", che non è niente di trascendentale, però mi piacerebbe provare lo scrub che promette labbra morbide da baciare...


Se volete sapere di più su tutta la collezione, Cinderella ne parla in un suo post

Lush dedica qui una piccola sezione del sito a S. Valentino. Fra le proposte mi incuriosisce "Sexy fun"... una scatolina speciale con dentro un olio da massaggio e un bagnoschiuma, per rilassarsi in vasca con la propria dolce metà!



Poi c'è Havaianas, che ha relizzato queste bellissime e romantiche infradito in collaborazione con Disney. Certo per indossarle si dovrà aspettare ancora qualche mese, ma se avete in mente una fuga romantica in una spiaggia tropicale, potreste metterle in valigia già ora!



Poi ieri su Trend and the city ho visto queste... 





Pizzo...cuoricini trafitti da spille da balia... Pretty Ballerinas perchè mi fate questo? 

E chiudo in bellezza con un'edizione limitata di Lancome in collaborazione con Olympia le Tan... Solo cento esemplari in vendita, in Italia l'esclusiva è della Rinascente di Milano... Naturalmente il prezzo ci dice subito che non è per noi comuni mortali (mi pare di aver letto in un commento che si parla di 1660 euro), ma comunque eccola qui







C'è qualcosa che vi fa gola? :)



domenica 20 gennaio 2013

LOVE IS... aspettando S.Valentino 2013 (#1)

Si avvicina San Valentino, una delle mie "festività" preferite dopo Natale, e come l'anno scorso ho deciso di realizzare una serie di post a tema.
Tanti cuori, fiori, zucchero e sdolcinatezze varie...quindi astenersi quelli che "S. Valentino è tutti i giorni ed è un modo per spennare gli innamorati", che vi assicuro che si può essere romantici e organizzare qualcosa di carino anche con le proprie manine spendendo pochi euro.
 Lo so che c'è già l'anniversario per festeggiare con il proprio compagno il fatto di essersi trovati, ma l'idea di dedicare un giorno dell'anno all'amore mi piace, che vi devo dire? 
E io l'ho sempre inteso come "amore a trecentosessanta gradi", tant'è che spesso i cioccolatini li ho scambiati anche con sorelle e amiche!
Oggi condivido con voi la mia board di S. Valentino... Io adoro Pinterest, è il mio social network preferito dopo blogger, è ufficiale.
 

Perciò buona domenica... e lasciatevi ispirare :)

 
                                                          Source: tinyprints.com via Love on Pinterest


                                                          Source: google.com via Love on Pinterest


                                       Source: bestfriendsforfrosting.com via Love on Pinterest


                                                         Source: reachli.com via Love on Pinterest


                                                     Source: catchmyparty.com via Love on Pinterest


                                                                   Source: reachli.com via Love on Pinterest


                                                                     Source: bhg.com via Love on Pinterest


                                                          Source: nightowlpapergoods.com via Love on Pinterest


                                                            Source: familycircle.com via Love on Pinterest


                                                    Source: catchmyparty.com via Love on Pinterest

mercoledì 16 gennaio 2013

LOVE IS... quando riesce a farti prendere la vita "con filosofia"



Quando il caro prof. ha deciso di piazzare l'esame il 10 gennaio, prima data utile dell'appello invernale, ho adottato la modalità zen.
Non mi sono lamentata e ho passato le vacanze natalizie studiando part-time. Dopo capodanno mi sono rinchiusa a casa. Giorni passati tra il pigiama num.1 e il pigiama num.2.
Poi A. mi ha proposto di partire con lui per CittàLavoro: avrei potuto continuare a studiare, tanto lui avrebbe lavorato la maggior parte del tempo, ma almeno saremmo stati insieme un pò.
Così il 6 gennaio, invece di andare in piazza a mangiare salsicce e ricotta e far foto alle befane a PaeselloSperduto, ho preso la mia valigetta rosa e sono andata con lui.
Quando il 7 gennaio, sul sito della facoltà, ha fatto capolino l'annuncio che l'esame era rinviato al 16, mi sono cominciata a innervosire, ma sono rimasta ancora una voltta zen. Ho dedicato qualche giorno alla tesi e ho ripreso il programma d'esame con calma. 
A. mi ha proposto di restare ancora da lui che è inutile fare avanti e indietro con libri, pc e valigia. Resta quanto vuoi.
Quando ieri è arrivata la mail dal portale studenti che mi comunicava che l'esame è stato rimandato ulteriormene al 23, la mia pace interiore è stata messa a dura prova e stava per partirmi una crisi isterica. 

Perchè io il 21 ho un appuntamento con la prof. della tesi che non sa nemmeno che ho ancora un esame da dare. 
Perchè vorrei cominciare a capire se posso pensare di laurearmi a marzo o a luglio. Perchè sto sviluppando un odio profondo per Rawls, Habermas e Taylor e il pluralismo a forza di studiare e più passa il tempo, più mi sembra di essere meno preparata, anzichè il contrario. E mi cresce l'ansia. E che caspita ha da fare quest'uomo di così importante? Non ha un assistente, sfruttato, frustrato e rompiballe da mandare come tutti gli altri prof.?
E non ridere A. che non c'è niente da ridere. 

-E dai, pazienza... vestiti e usciamo.
-A. se non te ne fossi accorto piove.
-Pioviggina. Portiamo l'ombrello. Andiamo a prendere la macchina qui vicino dal meccanico.
Vabbè, sai che c'è? Mi vesto.
E abbiamo passeggiato sotto la pioggia, mentre continuavo a imprecare contro tutto il sistema universitario. E lentamente ritornavo zen.
E sotto l'ombrello riflettevo sul fatto che A. ha questo effetto calmante che manco il valium.

Questa settimana è stata pesante e lui è sempre stato lì. Ha preso lo scooter quando gli ho chiesto una boccata d'aria; ha girato con me tutto il quartiere di domenica mattina per trovare un bar aperto dove far colazione perchè volevo togliermi il pigiama e vedere gente(non ho ben capito perchè erano quasi tutti chiusi); ha lasciato perdere la partita ieri per finire di vedere con me la prima serie di Dexter; era lì quando la fame nervosa mi ha fatto venir voglia di patate fritte e dopo il turno notte, lunedì mi ha portato la raviola (una sorta di raviolo fritto con ricotta per i non siculi).
Era con me, E questo è bastato a rendere tutto un pò meno pesante.
Ad allentare la tensione, a farmi vedere il bicchiere mezzo pieno.
E ho capito che a volte amare significa semplicemente esserci.

sabato 5 gennaio 2013

LOVE IS... immortalare i momenti belli




Ci sono le coppie foto-addicted. Che fotografano qualsiasi momento della loro relazione e che se sono anche tecnologicamente evolute, si sentono in dovere di condividere questi momenti con il mondo tramite facebook o Instagram.
Così li puoi ammirare mentre si sbaciucchiano in macchina in direzione ristorante e poi all'entrata del locale prescelto. 
Puoi sapere cosa hanno ordinato perchè una foto dei piatti è d'obbligo e, se si festeggia un'occasione particolare, come un compleanno o un anniversario, puoi star certa che non mancherà l'immagine del regalo e quella del bacio appassionato che segue lo "scartamento" del pacchetto.
Ora io lo so che questi individui sono il male, che sono esibizionisti, non si godono i momenti e bla bla, ma in un certo senso io sono arrivata ad invidiarli.
E quindi arriviamo al punto: A. odia le foto.
E' convinto di venir male, di rovinarle, preferisce scattarle.
Fugge se gli chiedo di mettersi in posa.
E agli inizi della nostra relazione sono quasi arrivata a pensare che potesse essere un fantasma o un vampiro, o una di quelle forme di vita che l'obiettivo non riesce a catturare, perchè un odio così profondo per le foto non mi sembrava normale.
Poi ci ho fatto il callo.
Ormai so che quando andiamo in vacanza devo pregarlo perchè mi conceda almeno uno scatto che dica "siamo stati qui insieme"!
Gli album dei nostri viaggi sono una tristezza...Praticamente si potrebbe titolarli "C. in vacanza"!!! Su 500 foto scattate a Parigi lui compare in tre. A Praga abbiamo solo una foto insieme sul Ponte Carlo, perchè l'ho praticamente obbligato a fermare un turista per scattarla. Magro bilancio anche tra Budapest e Vienna. Qualcosa in più in territorio siculo.
Naturalmente durante il suo primo viaggio a Torino per assistere alla partita nel tanto amato Juventus Stadium, si è fatto una specie di book.
Si è fotografato con ogni singolo mattone di quel ca*...ehm... quell'amore di stadio.
Ma che puoi dire? Vuoi mica competere con la signora bianconera che non tradisce mai?! La foto con la stella di Del Piero è d'obbligo.

Prima di Natale, grazie alla carta Mondadori di A. avevamo la possibilità di creare un fotolibro che loro avrebbero stampato e inviato al negozio più vicino al prezzo speciale di 1€. Così sono stata incaricata di scegliere le 25 foto.
Penso di creare una sorta di album dei momenti belli del 2012 e comincio la ricerca... No in quell'occassione non abbiamo scattato foto, al compleanno di tizia compaio soltanto io, il giorno y ho lasciato la digitale a casa. 
Il totale delle foto insieme nel 2012? TRE... praticamente per arrivare a 25 avrei dovuto inserire tutte le foto scattate durante i nostri 10 anni insieme. E non esagero. Così arriva la sera di Capodanno.
Devo dire che sono partita negativa, ma invece mi sono divertita parecchio.
Anzi forse è stata una delle più belle serate di S. Silvestro da anni.
Non si è parlato troppo di calcio. Abbiamo riso, giocato a carte.
La serata low cost organizzata da un locale nei dintorni si è rivelata molto più divertente delle feste patinate organizzate in location esclusive.
La scelta "niente tacchi" si è rivelata indovinata e mi sono scatenata fino alle sei del mattino. Insomma tutto perfetto.
Poi l'altro giorno vengono pubblicate le foto di rito.
Così scopro che il mio CARO fidanzato ha concesso pose a chiunque. Sorrisi a 32 denti dispensati a destra e manca per le foto con le sue amiche.
Ora la domanda sorge spontanea: ma questo fantomatico odio per le foto perchè emerge solo con la sottoscritta?
Questa invece è l'unica foto nostra della serata.

Lui che sta per starnutire e io che mi ripulisco con un tovagliolo.





Ecco. Vi ho detto tutto. Sto meditando vendetta. Si accettano suggerimenti!
Voi che rapporti avete con le foto di coppia?



Siete arrivati qui grazie alle vie infinite di google? Basta un "mi piace" per tenerci in contatto :)