mercoledì 27 febbraio 2013

LOVE IS... dillo con una canzone #2

Buon mercoledì a tutti!!! Oggi secondo appuntamento con "dillo con una canzone". Questa settimana la chiave di ricerca che ho scelto è "seconde possibilità", che negli ultimi giorni è stata tra le più gettonate...

Il caro Google vi rimanda a questo post di solito, ma io parlavo di possibilità in amore, non suggerivo di dare la seconda (che poi sarebbe la centesima) possibilità a Silvio, chiariamo!


Detto questo, passo a linkarvi le canzoni che mi sono venute in mente sul tema.

La prima è un classico, "Amici mai", di Venditti, perchè certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano, amori indivisibili, indissolubili, inseparabili...


Poi ho trovato questa dei The Scorpions, "I still loving you", però devo dirvi la verità, mi ha sempre un pò inquietata questa canzone... mi sa un pò di stalker...

Time, it needs to win back your love again. I will be there, I will be there.



Queste vanno bene se siete voi a chiedere la seconda possibilità, se invece è voi che supplicano, ma proprio non ne volete sapere, potete declinare gentilmente l'offerta con "Not a second time" dei cari vecchi Beatles.
 
You know you've made me cry, I see no use in wondering why, I cried for you
And now you've changed your mind, I see no reason to change mine.

 


Se invece amate le canzoni un pò tragiche, questa può fare al caso vostro e mandarlo/a a quel paese con pathos alla Dawson's Creek. Don't call me, don't write, don't show up in the middle of the night... You know that we needed some times and space to breathe in.



E se invece non potete resistere e il passato torna indietro e vi travolge, siete spacciati. Potete cercare di usare la testa, ma se il cuore è così compromesso, cederete di sicuro. It's all coming back to me, credo descriva come vi sentite.

 
Io ho finito la mia selezione, ma in realtà su questo tema credo esistano una marea di canzoni, quindi se volete dare una mano agli internauti smarriti, date i vostri suggerimenti nei commenti ^_^

venerdì 22 febbraio 2013

LOVE IS... far pace dopo una litigata



In una coppia di solito c'è sempre chi è più bravo a fare pace dopo una litigata.
Quello del ma perchè dobbiamo rovinarci la giornata per queste stupidaggini?
Quello del l'importante è riconoscere gli errori e chiedere scusa.
Io non sono quella persona purtroppo.
Non sono un tipo da conflitto lampo e trattato di pace, sono  da guerra di logoramento, donna da trincea.

Quando riconosco di aver torto in una discussione, cerco di rigirare la frittata in modo che la situazione volga in mio favore. 
Se penso di aver ragione, non ci sono scuse che tengano, devo avere il mio tempo per sbollire l'arrabbiatura.

A. invece è uno dallo "scusa" facile.
Ti guarda con gli occhi da cane bastonato. Di quello che non voleva ferirti. Di quello che se solo avesse minimamente immaginato la tua reazione non l'avrebbe mai fatto. E ti chiede scusa. 
E pensa che basti. 
Pretende che basti. 
Crede sia la parola magica che cancelli tutto. 
E non sopporta che io continui ad essere irritata.
"MA TI HO CHIESTO SCUSA!" è il suo tormentone.

E, non fraintendetemi, a me piace il fatto che non abbia difficoltà (a differenza della sottoscritta) ad ammettere i suoi sbagli, ma a volte ti viene dal profondo del cuore rispondergli "A. scusa, MA SCUSA STI**"
Che va bene che è importante riconoscere i propri errori, ma le scatole non possono smettere improvvisamente di girarmi solo perchè tu hai chiesto scusa.
Se prendo a calci qualcuno il livido resta e fa male fino a quando decide di far male, non è che scompare miracolosamente perchè mi sono scusata e ho promesso di non farlo più. Non so se la metafora rende l'idea.
E quindi rispetta i miei tempi dico io!

Mi hai perdonato?
No.
Usciamo a farci un giro.
No. Semmai esco da sola.
Hai visto che ti ho comprato le ciambelline? Poi dici che non ti penso mai!
Certo! Avevi già in mente di corrompermi sicuramente...
Ti accompagno io domani all'autobus?
No. Ho due gambe, ci posso andare da sola!
Eddaiiii... dammi un bacio!

Vabbè, passami una ciambella.

Però porca miseria se è bravo a far pace... Ti prende per sfinimento... O forse sono io che sono troppo debole!!!

E nella vostra coppia chi è a tirar fuori per primo il ramoscello d'ulivo???


 

 
 

mercoledì 20 febbraio 2013

LOVE IS... dirlo con una canzone #1





Molto spesso tra le chiavi di ricerca del blog trovo "come dire al mio ragazzo x?", "come farle capire y?"

Ecco, l'ideale sarebbe parlare chiaro e basta, senza troppi giri di parole, ma molto spesso non è facile. 
Ho pensato che magari "dirlo con una canzone" potrebbe rendere le cose più semplici e così è nata l'idea di creare una rubrica settimanale.
Ogni mercoledì sceglierò un "tema" e cercherò di trovare delle canzoni che possano adattarsi. Vi voglio avvisare che non sono una grande intenditrice musicale, quindi siate clementi. :D

Naturalmente se vi viene in mente qualche canzone da suggerire su un determinato tema i commenti servono a quello... l'unione fa la forza!
Aiutiamo i poveri giovani innamorati che si affidano a Google.


Per inaugurare la rubrica ho scelto la chiave di ricerca in assoluto più frequente di chi arriva sul mio blog: come fargli capire che in amore contano i fatti e non le parole? (se ne parla in questo vecchio post)

Vi consiglio questa canzone degli Extreme: "More than Words"




E se invece avete il problema opposto e siete stufi del/ della vostro/a compagno/a che continua a chiedervi dimostrazioni, questa di Biagio Antonacci credo faccia al caso vostro... Perchè forse Biagio non ha tutti i torti: un amore vero sa tacere...





sabato 16 febbraio 2013

LOVE IS... le armi segrete di una donna



Le vie del Signore, si sa, sono infinite, ma quelle delle signore non sono da meno. 
Di trucchetti sugli uomini ne usiamo in quantità. E non sto parlando soltanto delle tecniche di seduzione tramandate da madre in figlia o da sorella maggiore a minore, ma di tutti quei raffinati stratagemmi che usiamo per "manipolare" (in senso buono naturalmente) i nostri uomini, una volta che li abbiamo conquistati.

C'è l'occhio dolce, quello che dice tipregotipregotiprego non puoi dirmi di no.
Quello che sei senza cuore se non mi accontenti.
Tuttavia questa tecnica è più efficace all'inizio della relazione, nei mesi dell'infatuazione e della passione. Il ricorso continuato agli occhietti dolci, fa sì che il nostro uomo sviluppi una certa resistenza.
Un giorno vi dirà: "E' inutile che fai quella faccetta, non ci casco più. No è no."
Quel momento arriva per tutte. A quel punto bisogna inventarsi altro e spendere più energie. Se volete prolungarne l'efficacia, usate l'occhio dolce con moderazione.



C'è chi preferisce prendere il proprio uomo per la gola. Una cena come si deve con tutti i suoi piatti preferiti, se giocate bene le vostre carte, potrebbe convincerlo ad accompagnarvi a quel concerto a cui vorreste tanto andare o farvi guadagnare un pomeriggio di shopping al centro commerciale. 
Anche questa tecnica però va usata con moderazione: uno degli effetti collaterali più riscontrati è l'aumento di peso del partner, quindi attenzione!






C'è poi il metodo del farla sembrare una sua idea. 

Fase 1: cominciare a sospirare e a girare per casa con l'espressione affranta.
Fase 2: Rispondere "no niente, non ti preoccupare", ai suoi primi "che hai?" 
Fase 3: Vuotare il sacco. "No ma niente di grave... è che non arriverò mai in tempo alla stazione/ non ho trovato compagnia per andare a vedere quel film al cinema/ avevo voglia di andare a quella festa di paese ma le mie amiche si scocciano/ non finirò mai questo lavoro se qualcuno non mi aiuta....ecc."
Fase 4: Attendere che si manifesti il suo istinto da principe salva-donzelle in difficoltà e che si offra di accompagnarvi/aiutarvi.
Il punto debole di questo metodo è che non tutti gli uomini sono molto recettivi.
Tipo se A. mi chede "che hai?" e io rispondo "niente", per lui è niente. Non è che insista più di tanto. E il suo spirito da principe non è molto veloce a manifestarsi, quindi molto spesso con lui è preferibile parlare chiaro e conciso.








Infine la tecnica più subdola di tutte. Quella del senso di colpa
Che io lavo, stiro, metto in ordine, ti lascio i tuoi spazi, calcetto, stadio, partite. Capisco che il lavoro ti porta via un sacco di tempo. Non mi lamento mai anche se passiamo insieme poco tempo. E che cavolo, un favore una volta ogni mille anni potresti anche farmelo!!!!
Il monologo sarà più efficace se recitato con indice puntato verso il povero mal capitato, faccia da indemoniata e capelli arruffati.

Sì lo so cosa state pensando.  
Io non ho mai dovuto usare questi trucchetti da sfigata.  
Non vi credo. Neanche un pochino. Magari non vi siete servite di questi, ma avete altri assi nella manica. Perciò confessate.
Quali sono le vostre armi segrete?

martedì 12 febbraio 2013

LOVE IS... colazione a letto (aspettando S. Valentino #7)



Se non avete la sfortuna di avere (come la sottoscritta) un fidanzato rompiscatole del genere: "Non si mangia a letto, poi restano le briciole da qui all'eternità pure se cambi le lenzuola", un'idea carina per la mattina di S.Valentino è prendersela comoda e fare colazione a letto.
Certo se dovete scappare al lavoro è un pò più problematico, ma se siete tra quelli che come me preferiscono alzarsi anche mezzora prima, ma godersi il caffè con calma, non è poi così difficile.
Si possono personalizzare le tazze con un pennarello...


Source: tumblr.com via Love on Pinterest


O rendere romantiche le bustine da tè con del semplice cartoncino (sì lo so, queste le avete già viste ovunque, ma sono troppo carine!)






Su DOLCISSIMAMENTHE  trovate un tutorial per realizzare anche delle scenografiche zollette di zucchero a forma di cuoricini come queste...





Alle ricette dei dolci di S.Valentino, Beautiful in my way ha dedicato un intero post... Io invece non ho aspettato il 14 e il "plumcake cuore" che mi ha fatto scoprire Emy è già quasi finito!





Vabbè la qualità dell'immagine è oscena, ma rende l'idea!
Trovate la tecnica per realizzarlo qui: MammaRum

Io però ho usato la mia solita ricetta da plumcake. In realtà il primo tentativo è stato un pò un flop, perchè avevo prelevato troppo composto per la parte al cacao e perchè la mia formina ha l'incavo del cuore poco pronunciato.
Ma siccome barcollo, ma non mollo, ho ritentato, azzeccando finalmente le quantità e accentuando l'incavo del cuore con un taglietto col coltello.

Comunque se siete pigri o semplicemente non avete tempo, anche al supermercato si trovano tanti biscotti "indutriali" a forma di cuore...


(No la Mulino Bianco non mi paga, ma sono una grande consumatrice di questi biscotti)





E questo credo sia l'ultimo dei mie post a tema "S.Valentino", (anche se vista la natura del mio blog, qui è davvero  S. Valentino tutti i giorni! :P)!

Non mi resta che augurarvi di trascorrere il 14 febbraio al meglio e con la persona che amate, sia che abbiate deciso di festeggiare o di ignorare la giornata degli innamorati! ^_^


giovedì 7 febbraio 2013

LOVE IS... (aspettando S. Valentino 2013 #6)

Lo so che un libro non si giudica  dalla copertina e che l'abito non fa il monaco, ma un regalo anche un pò "sfigatello" presentato bene, fa tutto un altro effetto!
Quindi, sempre con l'aiuto di Pinterest, vi mostro un pò di idee carine per confezionare i vostri pacchetti di S. Valentino!

A me ad esempio piacciono molto le confezioni semplici realizzate con la carta da imballaggio...



Source: theberry.com via Love on Pinterest



Source: casaetrend.it via Love on Pinterest



Se cercate carta da regalo un pò più particolare, ma come nel mio caso vivete in un PaeselloSperduto in cui non si va oltre Hello Kitty, su Etsy (precisamente qui) potete anche scaricarla e stamparla comodamente a casa vostra!



INSTANT DOWNLOAD - Digital Paper Pack - Hearts, Spots and Stripes - Valentines Day Red & Pink


Oppure potete optare per semplici "etichette a tema" da allegare al pacchetto






O se preferite su una scatolina...






In alternativa semplici "buste da lettera" per i vostri messaggi d'amore o perché no, i vostri biscotti

 







O se avete intenzione di guardare un film sul divano, potete stampare queste scatoline, che ricordano quelle dei fast food, per metterci dentro pop corn, patatine o caramelle...










E che ne dite di una bella boccia con i dolcetti preferiti del/della vostro/a lui/lei?


 




O di un sacchettino in feltro se avete scelto di regalare un braccialetto o una collana?





Questi li fa PIPPIKI la mia creativa di fiducia...Le ho anche commissionato un porta-camice per A. (così magari evita di metterlo nello zaino dentro la busta di plastica del discount!)
Giocando sul fatto del "cardiologo-aggiusta cuori", gliel'ho fatto realizzare con un cuore incerottato ^_^




Comunque realizza tanti oggettini/idee regalo/ bomboniere carine...se volete dare un'occhiata ai suoi lavori la trovate qui: PIPPIKI
Ma non dite che vi ho mandato io, che questo blog sarebbe un tantino top-secret e non vorrei essere riconosciuta. Quindi ssshh! ^_^

lunedì 4 febbraio 2013

LOVE IS...(dis)avventure sulla neve



Era una bella domenica di febbraio. Organizzavamo da un pò con gli amici una trasferta sulla neve. Niente di "professionale": l'idea era quella di tirarsi qualche palla di neve, fare un pupazzo, ammirare il panorama. Al massimo lanciarsi con lo slittino.
Ecco appunto lo slittino, quello che diventerà l'arma del delitto.
Piccola premessa: io non faccio mai cose spericolate. 
Odio le giostre, i parchi acquatici, odio la sensazione di adrenalina. Mi terrorizzo e basta, perciò evito. Però quello slittino sembrava così innocuo. Accanto a me sfrecciavano padri con i figli piccoli. Chi metterebbe in pericolo il proprio bambino? E tutti mi dicono forza dai, per una volta prova...se non ti piace non risali più. E A. che mi dice "tanto ci lanciamo insieme".
E io dico "vabbè, mica posso sempre fare la solita asociale."
E "salgo a bordo". E partiamo.
Non so come, non so perchè, prendiamo troppa velocità.
A. cerca d frenare e quei cosi che servirebbero allo scopo gli restano in mano. Arriva un dosso. E' un secondo. Facciamo un volo.
Lui ricade subito, io un pò più giù, tutti e due di schiena.
Nella mia testa una vocina dice "lo sapevoooo che finiva così por*** ***jkghdh".
Poi arriva il dolore allucinate. Comincio a urlare come una partoriente.

Pensandoci ora, la scena è comica. 
Io nella mia tuta da neve viola anni '90 gentilmente prestatami dal fratello d A., stesa a terra a "quattro di bastoni" (passatemi il sicilianismo) che urlo come un'indemoniata "ahiaaaaaaaaaaa la schienaaaaaaaaaaa, ahiiiiii".
A. che più dolorante di me mi raggiunge strisciando e cerca di tranquillizzarmi.
"Amore non urlare, i piedi e le braccia riesci a muoverli?"
"Sì..ma la schienaaaa ahiiii"

"Non è niente allora non ti preoccupare, è solo la botta"
"E' solo la bottaaaa? A. chiama un caspita di medico. Io non riesco a respirare con le fitte che mi arrivano!"
Intanto si è formato un gruppetto e sento "chiamiamo il soccorso, ci sarà qualcuno. Anche a me è successo...poverina... Eh sì i dossi sono infami.."

"No signora non si preoccupi, sono medico, se si fosse rotta qualcosa lo capirei... ora la porto io"
"Nooo..voglio la barellaaa...un San Bernardooooo, qualsiasi cosaaa (penso signora non mi abbandoni che per quest'uomo qui se non sei in punto di morte non hai niente)!"
Così, con un mal di schiena pari al mio, A. mi prende in braccio e mi sposta un pò più in là dove almeno non rischiamo che qualcuno con lo slittino non ci finisca addosso e termini il "lavoro".
E lì, tra il dolore e le parole dolci del peggior quartiere di caracas che escono dalla bocca di entrambi, decido che è l'uomo della mia vita, se mai ci fosse stato dubbio.
Il tempo di "riprenderci" ci incamminiamo doloranti verso la guardia medica, che si trova in cima ad una bella salita (mi pare il posto giusto dove piazzarla, mettiamo caso mi fossi rotta una gamba). Ogni passo è un "ahia" e tanti altri francesismi che vi risparmio.
Un'inizione di Voltaren per me, una di Toradol per lui.
Due bollettini da 15 euro ciascuno per la prestazione perchè non siamo residenti nella provincia. Quando si dice "oltre al danno la beffa".
Con l'antidolorifico la giornata passa più o meno bene.
Dopo stanotte mi sento come se mi fosse passato un trattore sopra, ma rispetto al dolore di ieri credo di non potermi lamentare.
A. dice di star bene, ma scommetto quello che volete che in ospedale si sia fatto "drogare" con qualche altro antidolorifico.
Mentre io sono qui a soffrire.

A. noi ci dobbiamo limitare ad attività tranquille, siamo troppo sfigati.
Vabbè dopotutto non è successo niente. Io mi rilancerei.
Mah sai che ti dico, forse io pure!
Visto che non è successo niente spegnila tu la luce.
No A. Non ce la faccio ad alzarmi, ho appena trovato la posizione giusta per la schiena.
Vabbè dormiamo con la luce accesa?
Ma sì...facciamo anche questa esperienza!





venerdì 1 febbraio 2013

LOVE IS... un San Valentino vegano! (aspettando S.Valentino 2013 #5)


L'idea di questo post mi è venuta dopo un commento di Emy al primo post di S.Valentino. Lei e il suo ragazzo, così come tanti altri, da un pò hanno scelto lo stile di vita vegano e così ho pensato che sarebbe stato carino dare un pò di idee "san valentinose" con protagoniste frutta e verdura.
Può essere utile anche a chi in questo momento è a dieta e non vuole rinunciare a un pò di romanticismo il prossimo 14 febbraio senza "sgarrare".
Guardate cosa si riesce a fare con carote e pomodori!



http://www.pinterest.com/pin/189784571769424378/http://www.pinterest.com/pin/189784571769424374/





Si può optare anche per dei semplici spiedini di frutta o per un frullato con scorzetta di limone a cuore...



www.pinterest.com/pin/189784571769486095/



http://www.pinterest.com/pin/189784571769424426/



E se siete fan di Biancaneve potete sbizzarrirvi con le mele... ritagliare un cuore sulla buccia o creare al computer un bollino personalizzato per chi amate. Poi basta stamparlo sulla carta adesiva!

http://www.pinterest.com/pin/189784571769486096/



http://www.pinterest.com/pin/189784571769486095/




E per finire, queste fragole cosparse di cioccolato vegano sono una valida alternativa al solito mazzo di rose!


http://www.pinterest.com/pin/189784571769486136/
















(Tutte le immagini sono cliccabili e dalla mia bacheca pinterest si può risalire alla fonte!)