venerdì 28 giugno 2013

LOVE IS... corsa a ostacoli!






Nelle ultime due settimane è successo che:

- ho cominciato a collaborare con una web-tv locale a CittàLavoro (saltuariamente e gratis eh, capiamoci, non si dica che ho trovato lavoro!). Cosa che in teoria avrebbe dovuto permettermi di vedere di più A., ma che in realtà ha semplicemente fatto sì che ora non è solo lui a stramazzare sul letto stanco la sera dopo lavoro, perchè ci sono io che crollo accanto a lui.

- Ho trovato un tirocinio per il mese di luglio, come content editor in un'agenzia pubblicitaria sempre di CittàLavoro. Saremo in tre, tutte donne, a competere per un posto libero soltanto. Comincio lunedì. Ho l'ansia, ma sono decisa a farle fuori tutte e a prendermi quella scrivania da settembre.

- La padrona di casa di A. gli ha comunicato che sua figlia l'anno prossimo si sposa e quindi deve sloggiare. Deve cercare casa. Lui dice cerchiamola insieme, qualcosa che vada bene a tutte e due. 
Io non so ancora che ne sarà di me e senza la sicurezza di uno stipendio non me la sento di lanciarmi nell'operazione convivenza (ma di questo vi parlerò sicuramente in taaaanti altri post).

- Domenica mio nonno è morto. È stato strano. Non ho pianto, non eravamo legati. Un uomo che si era fatto da solo, che ha conosciuto la povertà e gli anni del boom economico. Un uomo "che le donne non devono studiare", che ha sofferto quando non ha visto sopravvivere i suoi due figli maschi al primo anno di vita. Che sperava di riscattarsi coi nipoti. E invece destino ha voluto che mia mamma, sua figlia, avesse in dono quattro femmine. 
E mia mamma negli ultimi tre anni per lui si era annullata, lo accudiva giorno e notte da quando non era più autosufficiente. Non voleva l'aiuto di nessun altro. E lo so che sono egoista, ma quando ho saputo che avrebbe potuto ritornare alla vita di sempre, fatta di figli e nipotini, di pranzi, libri e mercatini, sono stata contenta per lei. Per me. Per noi di famiglia che possiamo riaverla, riposata e attiva.
Perchè se lo merita di tornare alla vita normale.

E insomma, questo è quanto, se per caso vi foste chiesti "ma dov'è finita C.?" 
Ora vado a farmi un giro per recuperare i post che mi sono persa! :)

lunedì 17 giugno 2013

LOVE IS... dillo con un link su fb!




Di solito rispondo agli internauti perduti e alle loro "chiavi di ricerca" con la rubrica "Dillo con una canzone".
Destino vuole però che uno dei mie post più popolari di sempre sia "L'amore ai tempi di facebook".
I motori di ricerca hanno deciso di inviare sul mio blog tutti gli utenti che si ritrovano ad avere problemi nel coniugare la propria relazione con il social Zuckembergiano.

"Perchè il mio ragazzo non vuole impostare lo stato sentimentale su impegnato?"
"Perchè continua a mettere mi piace sui miei post. E' interessato?"

"Come faccio a capire se è fidanzato? Non è impegnato su fb"
"Non ha ancora eliminato le nostre foto insieme. Che significa?"

Insomma, tanti i dubbi amletici, di solito di natura femminile (perchè si sa che noi donne per complicarci la vita non siamo seconde a nessuno!) a cui ho deciso di rispondere attraverso lo strumento facebookiano per eccellenza: i link.











 
Naturalmente, se fanno al caso vostro, potete "rubarle" da qui o condividerle direttamente tramite la mia pagina Facebook. 
Anche se il mio consiglio spassionato è quello di viversi le relazioni 
nel mondo "reale" che è già complicato, senza chiamare in causa anche quello virtuale! :D
 
 

sabato 15 giugno 2013

LOVE IS... anniversario!




  
Love is... sapere che qualsiasi cosa accada, l'affronteremo in due. 
Liebe ist... prestarle la giacca perchè improvvisamente si alza il vento e andare a recuperare la macchina per non farle macinare km col tacco 12.
Dragostea este... lasciargli l'ultima patatina fritta, ordinare sprite perchè lui non beve coca-cola e non mettere l'olio piccante sulla pizza per farne assaggiare una fetta a lei.
Amor es... litigare perchè ci si sente trascurati dall'altro. Perchè vorremmo più attenzioni.
Amor è... tenersi per mano, baciarsi, fare l'amore, non per abitudine, ma per il bisogno di entrare in contatto con l'altro.
Amour est... ricordare i momenti più belli insieme, vivere il presente e fare progetti a due per il futuro.

Amore è... amarsi dopo dieci anni non come il primo giorno. Non di più, non di meno. Solo in modo diverso, ma sempre bello.

E niente oggi è il nostro primo anniversario a due cifre. 
E siamo ancora felici.
Abbiamo ancora voglia di litigare, ma soprattutto di far pace.
Sì ancora, dopo tutto questo tempo e nonostante tutto.

Ci meritiamo gli auguri? :P 

lunedì 10 giugno 2013

LOVE IS... ex "ingombranti"

                                                                                Source: theupliftingvibe.com via Love on Pinterest



Chi, come me, ha una relazione che va avanti dal molto tempo e che è iniziata da giovanissimi, ha almeno un vantaggio fondamentale: non esistono fantasmi di ex fidanzati/e ingombranti con cui fare i conti.
Oddio A. qualche fidanzatina prima d'incontrarmi l'ha avuta. 
Con una c'è stato persino due anni, ma niente di che, "storia da ragazzini" finita senza troppe lacrime o spargimenti di sangue.
Mia sorella invece è stata (tra alti e bassi) per quasi 13 anni con un ragazzo.
Poi è finita.
E per carità, si è tranquillamente rifatta una vita, anche se a chilometri e chilometri di distanza.
Ma tredici anni come fai a cancellarli semplicemente?
Praticamente ogni ricordo della tua giovinezza è legato a quell'altra persona.
A un certo punto per gli altri tu non esisti quasi più come entità singola: non c'è più solo C., ma il tuo nome ormai è legato a quello dell'altro indissolubilmente.
Per tutti sei "C. & A."
Mia madre, nel caso di mia sorella, ha dovuto "riorganizzare" ogni singolo album di famiglia: matrimoni, lauree, prime comunioni, cresime.
In ogni dannata foto c'è anche lui.
Naturalmente in casa c'è divieto assoluto di nominare tale individuo davanti all'attuale marito di mia sorella. Niente visioni di vecchi filmini et similia.

Poi ho realizzato che mancano pochi giorni al DECIMO anniversario con A.
E ho incominciato a immaginare scenari apocalittici in cui ci molliamo.
Perchè lo dicono tutti che dopo 10 anni "o ti molli o ti sposi", e dato che i fiori d'arancio sono ancora un miraggio...
E poi ho pensato che non vorrei essere minimamente nei panni di chi arriverebbe dopo.
Insomma nei panni del mio ipotetico futuro uomo o dell'ipotetica futura donna di A.
Perchè come fai a vivere con qualcuno che ha condiviso metà della sua vita con un'altra persona?
Che con quella persona ha visto e fatto migliaia di cose.
Viaggi, progetti, foto.
Ha attraversato i momenti più felici e più brutti.
 

Allo stesso tempo però ammiro chi riesce a farlo.
Buttarsi in una storia, nonostante vecchi fantasmi.
Pensare a costruire un futuro, nuovi ricordi.
Convincere amici e genitori che magari erano affezionati a chi c'era prima e, malgrado ce la mettano tutta, all'inizio fanno fatica a metterti a tuo agio o semplicemente ad accettarti.
Trovare un proprio equilibrio di coppia, senza preoccuparsi di quello precedente. 
Li ammiro perchè richiede una buona dose di sicurezza in se stessi, un pizzico di coraggio e soprattutto un amore vero.

Perchè "tutti arrivano portandosi dietro un bagaglio. Il problema è trovare qualcuno che ti ami abbastanza per aiutarti a disfarlo"






E voi? Avete mai dovuto fare i conti con un "ex  fidanzato/a ingombrante?" Come vi siete comportati?

 

martedì 4 giugno 2013

LOVE IS...dillo con una canzone #7

  


  
Giorni fa sono stata colpita da una particolare chiave di ricerca: "Frasi in inglese per portarsi a letto una ragazza".
Ho realizzato che, nonostante il vento, gli acquazzoni fuori stagione e il freddo anomalo, l'estate si sta avvicinando.
E estate molto spesso significa amori estivi.
Quelli brevi, ma che ti lasciano tutto sommato un bel ricordo.
Quelle storie senza pretese che si consumano durante una vacanza al mare, tra sabbia e baci a labbra salate.
Tra aperitivi e gelati o cene in locali dall'atmosfera esotica.

Anche io, vecchia bacchettona, in adolescenza ho avuto la mia avventura estiva.
Con A. era finita già da mesi, a Paesello Sperduto era un caldo agosto e io avevo compiuto 18 anni.
Lui era un bel napoletano in vacanza.
Per quanto ammetta che la "componente ripicca", che mi faceva sperare che A. lo venisse a sapere e si mangiasse il fegato, abbia giocato un ruolo importante in quella storia, porto ancora un ricordo bellissimo.
Di giornate passate in spiaggia fino al tramonto.
Di ustioni di quarto grado nonostante la protezione 50.
Di costumi, pareo e gonne corte da adolescente.
Di passeggiate in riva al mare con un coktail in mano.
Di granite, pizze e balli a piedi nudi sulla sabbia.
Risate, baci, carezze, pic-nic, foto con la mia prima macchinetta digitale.
Occhiali scuri e lacrime per la sua ripartenza.
Qualche telefonata e la promessa di restare amici.
Ancora ci mandiamo gli auguri per le "feste comandate".
Perchè quando non ci sono né amore né grossi sentimenti di mezzo è tutto più facile.

Ma ora torniamo alla musica.
La canzone che mi fa ricordare del mio personalissimo amore estivo è "Estate" dei Negramaro



La prima canzone che mi è venuta in mente invece è "Un estate fa" dei Delta V



 
E infine chiudo con "Summer Paradise"  dei Simple Plan




E voi avete bei ricordi dei vostri amori estivi? Qualcuno si è trasformato in una storia che ha resistito all'inverno?