lunedì 13 ottobre 2014

Love is... conservare i ricordi e vivere nel presente




Sì lo so, non scrivo da quasi un mese, ma sono state settimane un po' frenetiche, e ogni momento libero l'ho dedicato ad oziare.
Potrei deliziarvi con il mio racconto di viaggio in Spagna, potrei raccontarvi di come ho deciso di usare i miei sudati risparmi per un abbonamento semestrale in palestra o di come tesiste ruffiane e gatte morte omaggino A. di scatole di cioccolatini.

E lo farò prossimamente.

Ma oggi voglio rispolverare un post che avevo cominciato a scrivere prima di partire. Ero a Paesello, in mood un po' nostalgico e ho deciso di aprire la mia scatola dei ricordi
Uno scatolone che contiene vari pezzetti importanti della mia vita da adolescente e un buon numero di tappi di spumante che non ho la minima idea di quando siano stati stappati, insieme a sassi e conchiglie che non ricordo di aver raccolto. Forse avrei fatto meglio a tenere un po' di appunti. Ma vabbè.

Fatto sta che all'interno dello scatolone, c'è anche una scatolina più piccola che contiene tutte le cose legate all'inizio della storia con A.
Così mi è venuto in mente di spatasciare tutto sul letto, scattare una foto e condividere i miei ricordi con voi.





Cominciamo. Vedete quella bomboniera decapitata? L'ho rotta il giorno in cui ho conosciuto virtualmente A. 
Sì perché chi mi legge da un po' sa bene che noi siamo tra gli sfigati che si sono conosciuti online, in quella fantastica chat che era c6, frequentata all'80% da maniaci. 
Il giorno in cui "incontrai" A. mi ero allontanata dal pc non so per quale motivo, quando sentii il trillo che mi avvisava che qualcuno mi aveva contattata.
Non so come ma nel raggiungere la mia postazione computer, ho urtato il tavolino del soggiorno, la bambolina è caduta e la testa le si è staccata.
Così ho cominciato la mia ricerca dell'attack per cercare di risolvere il problema e non imbattermi nelle ire di madre.
A. che non è mai stato famoso per la sua pazienza continuava a trillare.

Ciao
Da dv dgt?
Ma c6?
Che fai?

Io odiavo i tipi così, ma non so perché ho deciso di essere clemente e rispondere. "Scusami, ho appena decapitato una bomboniera. Se aspetti qualche minuto, occulto il cadavere e ti raggiungo, così parliamo."
E abbiamo parlato per ore.
Il resto è storia.

Nel sacchettino di Fruscio è contenuto il regalo che A. mi ha comprato il primo San Valentino insieme. Un perizoma rosa con cuoricino. Che a sedici anni non potevo di certo portare a casa e dire "Mamma papà, questo è il regalo di A."
Perché mai un tizio universitario maggiorenne avrebbe dovuto regalare una cosa del genere alla loro bambina suvvia?!?

Poi c'è una rosa secca. Faceva parte del mazzo che A. mi portò per festeggiare il mio esame di maturità. Eravamo tornati insieme da poco, dopo il nostro anno di pausa. Anche il portachiavi a leoncino con la maglietta col suo nome (che è stato opportunamente occultato grazie alle mie doti di grafica) me lo ha regalato quel giorno. C'è una storia anche dietro quello.


Stavamo insieme da qualche mese quando ho comprato per la prima volta i leoncini con i nostri nomi. Quando ci siamo lasciati, ho tolto la magliettina al mio e l'ho conservata nella scatola dei ricordi (infatti la vedete in foto). Poi ho qualche mese dopo ho perso il portachiavi. Così tornati insieme, A. me lo ha ricomprato. E quando ho scartato il pacchetto ho pianto come una fontana.

Poi ancora c'è il biglietto turistico metrobus di quando è venuto per la prima volta a trovarmi a Roma, durante i miei anni universitari. La prima volta che abbiamo dormito insieme per tutta la notte e ci siamo svegliati nello stesso letto.

La pergamena arrotolata invece è una letterina che gli avevo scritto per il primo mesiversario insieme (capitemi avevo 16 anni), ma poi mi sono vergognata a fargliela leggere perché è venuta fuori una cosa troppo sdolcinata. E c'è la scatolina rossa, quella dell'anellino del primo anniversario con il simbolo dell'infinito.


E poi ci sono biglietti, e-mail, lettere. Tutte cose che mi ha scritto nella sua fase rrromantica, che purtroppo (o per fortuna :P) non è durata molto.
E mentre mettevo tutto a posto nella scatola (naturalmente mentre prima il coperchio si chiudeva senza alcuna difficoltà, una volta spatasciato tutto ho dovuto provare dieci diverse combinazioni prima di riuscire a trovare l'incastro giusto) avevo un sorrisino ebete.

Però vi giuro, non ho pensato nemmeno per un secondo "Com'era bello prima e ora invece..." Non tornerei indietro. 
Non sono quella di prima. 
A. non è quello di prima. Noi come coppia non siamo più quelli di prima.
E mi sta bene. Non ci vedo niente di sbagliato.
Sono contenta di essere cresciuta e che la nostra storia sia riuscita a cambiare insieme a noi.

E ho realizzato che è bello ogni tanto curiosare in quella scatola per ripensare a come eravamo, a come tutto è cominciato.
Ma è ancora più bello chiuderla e godermi il nostro presente.

E voi avete qualche oggetto che vi ricorda l'inizio della vostra storia? Qualcosa che conservate gelosamente? O non siete tipi da "scatole dei ricordi"?



14 commenti:

  1. Che bello*.*
    Sì sì, anche io scatole dei ricordi! la bustina di zucchero, il primo biglietto, foglie del parco...di tutto^^'

    RispondiElimina
  2. Ciao, bentornata! Vediamo... dipende un po' dal tipo di storia, nel senso che, se è finita male ma ho comunque dei bei ricordi allora anch'io conservo regali e oggetti vari legati a quel periodo. Se invece i ricordi brutti prendono il sopravvento... getto via o regalo tutto! :D

    RispondiElimina
  3. Che cosa dolceee quella del peluche!!!*_* Più che altro non mi spiego come mai hai conservato la statuina rotta...cioè, ok che è la prima cosa che ti collega ad A.,ma non avresti dovuto buttarla il giorno stesso in quanto rotta? :P
    Abbè, comunque... anch'io ho una scatola dei ricordi sebbene contenga molte più cose aventi origini diverse!
    Le mie extension BIONDE (avevo 15 anni...), i biglietti di buon compleanno raccolti negli anni, qualche vecchia dedica di "vecchie" amiche,...insomma, un poco di tutto! E ogni volta che la apro mi parte un magone assurdo!!! =°

    RispondiElimina
  4. Quel giorno l'ho infilata in un cassetto per reincollarla nel caso mia mamma avesse notato l'assenza e l'ho dimenticata lì! Molto tempo dopo l'ho ritrovata, io e A. Stavamo già insieme e quindi visto che sono sentimentale l'ho tenuta! Io nella superscatola più grande ho anche il diario segreto delle elementari, muoio dal ridere ogni volta a rileggere del mio primo amore! Ahahaha! Doppiogeffer invece parliamo di cose serie, c'ama fari? Quando torni? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come non detto...ho appena visto che il blog è di nuovo attivo!!! :D

      Elimina
    2. :P Non parliamo dei diari scolastici che li ho conservati aTUTTI! Anzi, forse me ne manca solo uno ma perchè si distrusse strada facendo alle elementari! E ogni qualvolta in cui li sfoglio e trovo il nome di quello che mi piaceva in quel periodo (ebbene sì: avevo una cotta l'anno tra le elementari e le medie) o dei miei ex (plurale....diciamo che basterebbe un duale) mi prende un senso di...di...di.... di
      "oddiomacomepotevapiacermiuncosocomequellomamenomalechecisiamolasciaticheierilhoincontratoeadessononsolofaschifomaèpureunpezzodimerda" :D

      Elimina
  5. ciao cara...
    adoro leggere i tuoi post.. m'incanto .. adoro il tuo modo di scrivere e per come attiri la mia attenzione..
    forse perchè scrivi cose che pur un pò diverse sono simili alle mie..
    la rottura del tuo fidanzamento e poi ad un ritorno (è successo anche a me) ..
    ma questo aiuta a crescere.. io credo che sia una parte importante.
    anch'io conservo una scatola di ricordi..tutti i regali..gli sms.. qualche bigliettino timido del mio lui..che ora il suo romanticismo è totalmente diverso ... dove oggi mi dimostra amore in modo diverso ma che amo di più di prima .. !!
    i cambiamenti ci sono e ci devono essere.. sono parte di una relazione.. ed è bello vedere che i cambiamenti unisco.. ^^
    un bacione cara!!!

    e per i cioccolatini .. si gelosa ma anche fiera perchè lui ha scelto te ^^
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Oddio, A. che scrive "da dove dgt?" non riesco proprio a immaginarmelo hahah mi viene in mente la canzone di Zalone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non vi ho rivelato il nick che usava per sedurre le giovani adolescenti indifese :P

      Elimina
  7. Che tenero questo post. Mi hai fatto tornare indietro nel tempo.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Io non ho una scatola dei ricordi.. dei miei ex non ho più nulla.. ho buttato via tutto. Ma tu hai fatto bene a farne una.. ogni tanto è normale tuffarsi nei ricordi.. anche se magari non sono tutti belli ma hanno comunque fatto parte della nostra vita.. hanno contribuito a fare di noi ciò che siamo oggi.
    A presto.. Pollysilvia ^^

    RispondiElimina
  9. Aaaaah, adoro questo post perché adoro i ricordi!
    A parte che, come ti avevo scritto in qualche commento precedente (credo), anche la mia storia è nata online (blogger invece di una chat privata, ma è uguale), quindi posso capire benissimo come ogni piccola cosa acquisti un valore maggiore. Ed è importante, allora, conservare tutto per bene. Un piccolo scrigno di bambole decapitate e rose secche (ihih) che sono, in realtà, una ricchezza immensa.
    Grazie per averle condivise con noi :)
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  10. Anche noi abbiamo una scatola dei ricordi, le abbiamo lasciate nelle case dei nostri rispettivi genitori giù in Sicilia. Ho un po' paura ad aprirle perchè so che scatenerebbero dentro di me troppa nostalgia... quindi aspetterò eheh

    Complimenti per il post, impeccabile come sempre.

    ti aspetto da me cara.

    http://thegoldenglam.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. Abbiamo tutte una scatola dei ricordi, l'importante è sempre vivere al meglio il presente non dimenticando il passato :D

    RispondiElimina