domenica 1 marzo 2015

Love is... Un fidanzato tuttofare.





Avete presente la famiglia Robinson? Quando qualsiasi cosa in casa loro improvvisamente smetteva di funzionare o si rompeva, tutti cercavano di tenerlo nascosto a Cliff. 
Papà Robinson infatti amava trasformarsi in tuttofare seminando terrore con la sua cassetta degli attrezzi, dato che ogni volta che si metteva all'opera non faceva altro che peggiorare la situazione e aumentare i danni da riparare.

Io non ho di questi problemi.

A. di solito riconosce la sua incapacità in tali situazioni e si affida agli esperti, tranne in alcuni i casi per i quali sentenzia un "Ci penso io, è una stupidaggine".
Il problema è che il "ci penso io" è molto generico, non implica un "quando" e di solito i mesi passano, i miei nervi saltano e lui continua a dire che risolverà, impedendomi di chiamare rinforzi.

Succede che circa un mese fa l'avvolgibile (forse in altre parti d'Italia lo chiamate tapparella) della mia stanza/studio resta bloccato a metà. Non sale e non scende. A questo punto chiamiamo un tizio consigliatoci dal portiere, che poi scopriamo che di mestiere fa il pescivendolo, ma arrotonda part-time con lavoretti a casa. La cosa pare risolta in cinque minuti e per un prezzo ridicolo.
Abbiamo fatto un affare pensiamo. Da oggi chiameremo sempre lui.

SBAGLIATO.

Dopo neanche una settimana il coso si blocca di nuovo.
A. però sentenzia: "Quando è venuto tizio ho visto come si fa, servono dieci minuti. Mi faccio prestare gli attrezzi dal portiere e risolvo io".

Inutile dirvi che l'avvolgibile è ancora bloccato lì a metà. Non che abbia impedito al sole di illuminare la camera, visto che sono 30 giorni che diluvia ininterrottamente, salvo brevi pause (durante le quali io naturalmente mi trovavo a Paesello dove si era spostata la perturbazione).

Succede pure che circa due mesi fa la tavoletta del wc, già crepata e ballerina si stacca definitivamente.
"A. finalmente possiamo comprare quella nuova?"
"Sì ora chiamo la padrona di casa per vedere dove possimo trovarla" (sì abbiamo il bagno azzurrino e con i sanitari di forma strana quindi non sapevamo proprio a chi rivolgerci soprattutto qui a CittàLavoro).
Dopo un paio di settimane chiama.
Dopo un altro paio di settimane finalmente compriamo la nuova tavoletta. Ci rifiutiamo di spendere più di 100 euro per quella azzurro puffo e ne prendiamo una bianca che ci costa già un occhio della testa.

Poi per un mese la tavoletta rimane lì, abbandonata nell'attesa di essere montata.
Il problema è che non ha la pinza.
Mi faccio prestare la pinza e gliela porto.
Prova con suo cugino, ma entrambi non riescono nell'ardua impresa e rinunciano, dicendo che è la mia pinza che non è buona.

"A.  ma chiamiamo qualcuno?"
"Nooo...ora ci penso io" 

Niente continuo ad andare in bagno sedendomi sulla tavoletta mobile e facendo praticamente l'equilibrista, ma a lui che glie frega?!?
Al che tra me e me decido che appena partirà per Torino per la partita di Champions della Juve, chiamerò qualcuno e gliela farò trovare già montata.
Destino vuole che suo padre, anche lui juventino pronto alla partenza, la sera prima del volo decida di fermarsi da noi.
Gli facciamo vedere la casa perchè non c'è mai stato ancora e nota subito la tavoletta.
"Ma qui cosa è successo?"
"Eh la tavoletta è rotta da due mesi, abbiamo anche quella nuova ma non riusciamo a montarla!"
"Dammi una pinza che te la monto io"
"Papà non è che non riusciamo a montarla, non ho gli attrezzi per montarla, la pinza che ha portato C. Non è buona".
"Fammi provare lo stesso".

E fu così che il dott. A. Senior, in quindici minuti scarsi, con su ancora la giacca e la mia "pinza sbagliata" montò la tavoletta. A. Junior non si è ancora ripreso dal trauma e ho paura che la sua voglia di rivalsa verrà indirizzata sull'avvolgibile ancora bloccato. 

Potrei non vedere più la luce in camera mia. Aiutatemi. Se avete un fidanzato/a tuttofare scrivetemi che vi mando il mio indirizzo.

A voi com'è andata sotto questo punto di vista? 






9 commenti:

  1. ASHAhsaHSHshH ti capisco benissimo,purtroppo! Sia come donna soggetta a medico-tuttofare (ovvero mio padre, tanto bravo con il trapano operatorio quanto scarso con il trapano da muratore!) che come fidanzata di un A. che a parole è pronto a costruire una villa ma nei fatti.....beh, ti dico solo che il mobiluccio del mio bagno (acquistato in legno grezzo senza nemmeno una passata di lucido) aspetta di esser lucidato e verniciato da....3 anni? Ecco, sì.
    Nel frattempo però, non essendo stato trattato e stando sempre lì dove c'è più umido, sta incominciando ad autocolorarsi di un bel verde muffa -.-
    Chissà, forse il mio A. aspetta che crescano i funghi per vedere se siano commestibili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! Mi consolo allora...almeno adesso so che se mi serve qualcosa posso chiamare il suocero :D

      Elimina
  2. Il Fatalista è negato...se ci prova fa danni irreparabili! Ogni giorno ne scopro una! Ieri ad esempio mi sono accorta che il chiodo che mantiene un ingrandimento di una foto della bambolotta reggeva solo sulla punta e stava per cascare rovinosamente, magari facendo male la piccola. Forse ha tentato di piantare il chiodo "a mano" perché con due mazzate di martello l'ho messo a posto...è incapace proprio!!! Per fortuna io me la cavo piuttosto bene da sola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io onvece non so mettere su neanche un chiodo, sono capacissima di martellarmi la mano!

      Elimina
  3. Il primo requisito del mio uomo ideale è che sappia aggiustare le cose. Tutte le cose! :-D

    RispondiElimina
  4. Io finora ho avuto solo un papà tuttofare, che è bravissimo a fare lavoretti, però nelle sue imprese costringe me e mia mamma a fare da garzoni, urlandoci dietro se non capiamo quello che dice/gli passiamo l'attrezzo sbagliato :D

    RispondiElimina
  5. Ale ha le mani d'oro... Quando ci ricordiamo di fare le cose :-)

    RispondiElimina
  6. mettiamola cosi: lui non è un pasticcione devo dire che dal bricolage, al giardinaggio, alle incomprensibili istruzioni ikea se la cava alla grande...il suo problema è il tempismo: riesce puntualmente a tirare fuori dei lavoretti da fare sempre quando ho appena finito di tirare a lucido casa...con sommo piacere della sottoscritta! un bacio cara che dobbiamo fare, dobbiamo tenerceli cosi ;-)

    RispondiElimina
  7. Tocchi un tasto dolentissimo... il mio oltre a non essere capace di fare una mazza - fa lavori davvero pessimi - non gliene frega proprio niente di farli fare ad altri. inutile cercare di stuzzicare la sua virilità dicendo cose come "il mio compagno non sa neanche da dove iniziare" al telefono con l'idraulico... non gliene potrebbe fregare di meno! Peccato che certe cose non puoi chiamare qualcuno che te le faccia, e allora giù a litigate e minacce... (e poi le fa da schifo!).

    RispondiElimina